Golfo di Napoli, avvistato il pesce palla maculato: "È pericoloso"

Il "Lagocephalus scleratus" è tossico anche se cotto. In alcuni Paesi del Mediterraneo Orientale ha già provocato diverse vittime

Pesce palla

Il "Lagocephalus scleratus", il famigerato pesce palla maculato, proveniente dal canale di Suez, è arrivato nel Golfo di Napoli. Il reparto Pesca Marittima del Corpo delle Capitanerie di Porto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ha lanciato l'allarme, recepito dalla Guardia Costiera di Ischia, richiamando tutti i pescatori del golfo, in quanto si tratta di una specie tossica anche se sottoposta a cottura.

MORTI - Il consumo di questo pesce infatti ha già fatto registrare nei Paesi del Mediterraneo Orientale, molti decessi. In pericolo soprattutto coloro che sono dediti alla pesca sportiva. La capitaneria campana, come segnalato da Repubblica, ha chiesto a chiunque si dovesse trovare dinnanzi al pesce palla di segnalarne la presenza immediatamente, inviando una mail all'indirizzo: pescepalla@isprambiente.it.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      San Carlo, centenario dell'Unione Industriali: c'è anche Mattarella

    • Posillipo

      Blitz dell'antimafia, in manette tre imprenditori a Posillipo

    • Cronaca

      Metro, ok al completamento delle stazioni Mirelli e Chiaia della Linea 6

    • Sport

      Universiadi 2019, a Napoli arriva la torcia diretta a Taipei (FOTO&VIDEO)

    I più letti della settimana

    • Sesso orale in piazza San Domenico Maggiore: il video finisce su WhatsApp

    • Sesso in pubblico, nuovo scandalo dopo quello di piazza San Domenico

    • Addio Salvatore: un incidente in scooter gli costa la vita a 24 anni

    • Ucciso e seppellito in un terreno, arrestate tre persone per l'omicidio di Vincenzo Amendola

    • Ciro a Mergellina, dal Comune stop a tavolini e ombrelloni

    • Dramma in via Napoli: trovato il cadavere di una donna incinta all'ottavo mese

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento