Golfo di Napoli, avvistato il pesce palla maculato: "È pericoloso"

Il "Lagocephalus scleratus" è tossico anche se cotto. In alcuni Paesi del Mediterraneo Orientale ha già provocato diverse vittime

Pesce palla

Il "Lagocephalus scleratus", il famigerato pesce palla maculato, proveniente dal canale di Suez, è arrivato nel Golfo di Napoli. Il reparto Pesca Marittima del Corpo delle Capitanerie di Porto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ha lanciato l'allarme, recepito dalla Guardia Costiera di Ischia, richiamando tutti i pescatori del golfo, in quanto si tratta di una specie tossica anche se sottoposta a cottura.

MORTI - Il consumo di questo pesce infatti ha già fatto registrare nei Paesi del Mediterraneo Orientale, molti decessi. In pericolo soprattutto coloro che sono dediti alla pesca sportiva. La capitaneria campana, come segnalato da Repubblica, ha chiesto a chiunque si dovesse trovare dinnanzi al pesce palla di segnalarne la presenza immediatamente, inviando una mail all'indirizzo: pescepalla@isprambiente.it.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Crollo in via dei Mille, tre operai schiacciati da una lastra di marmo

    • Vomero

      Centauro 20enne investe anziano: è in prognosi riservata

    • Cronaca

      Consegnava la droga del clan con la sorellina di 7 anni: arrestata 17enne

    • Cronaca

      Parcheggiatori abusivi: "I dati degli interventi della polizia municipale negli ultimi anni"

    I più letti della settimana

    • La nuova folle moda delle baby gang napoletane: pistola in faccia, ma non per rapina

    • Bare abbandonate nel cimitero di Poggioreale: "È un'offesa"

    • Quattro anni e mezzo allo stalker di Quagliarella: "Giustizia è fatta"

    • Allarme meningite, un caso al Maresca: chiuso il pronto soccorso

    • Blitz durante Real-Madrid-Napoli: in arresto il Boss di Pianura

    • Sanità, uditi spari in vico Carrette: si indaga

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento