Golfo di Napoli, avvistato il pesce palla maculato: "È pericoloso"

Il "Lagocephalus scleratus" è tossico anche se cotto. In alcuni Paesi del Mediterraneo Orientale ha già provocato diverse vittime

Pesce palla

Il "Lagocephalus scleratus", il famigerato pesce palla maculato, proveniente dal canale di Suez, è arrivato nel Golfo di Napoli. Il reparto Pesca Marittima del Corpo delle Capitanerie di Porto del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, ha lanciato l'allarme, recepito dalla Guardia Costiera di Ischia, richiamando tutti i pescatori del golfo, in quanto si tratta di una specie tossica anche se sottoposta a cottura.

MORTI - Il consumo di questo pesce infatti ha già fatto registrare nei Paesi del Mediterraneo Orientale, molti decessi. In pericolo soprattutto coloro che sono dediti alla pesca sportiva. La capitaneria campana, come segnalato da Repubblica, ha chiesto a chiunque si dovesse trovare dinnanzi al pesce palla di segnalarne la presenza immediatamente, inviando una mail all'indirizzo: pescepalla@isprambiente.it.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Notizie SSC Napoli

      Sarri in conferenza stampa: "Lascerei il Napoli se il presidente non fosse contento"

    • Cronaca

      Rione Traiano, trovata una mitragliatrice Skorpion in camera da letto

    • Cronaca

      Preso a bottigliate in un locale del centro storico: stava parlando con una ragazza

    • Cultura

      Boom di presenze al Comicon: i 20 costumi più belli

    I più letti della settimana

    • Angela Celentano, dal Messico 144mila euro a chi fornirà informazioni

    • Alessia si è sposata: è la prima trans ad aver pronunciato il fatidico sì

    • Scritta omofoba contro Alessia Cinquegrana nel giorno del suo matrimonio

    • Incidente ferrovia del Brennero, campane le due vittime

    • Melito, donna precipita dal quarto piano: muore sul colpo

    • Tragico incidente stradale, muore travolto da un'automobile

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento