Pensilina Anm devastata a Barra: "Ora pericolosa, frammenti di vetro ovunque"

Vandali hanno devastato la vetrata della fermata. Una nota è stata inviata a Comune e Anm perché ripristinino le condizioni di sicurezza

La pensilina danneggiata

Una pensilina dell'Anm, nella zona di Barra, è stata del tutto devastata da uno o più vandali

A denunciare quanto accaduto è stato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, secondo il quale si tratta di un "atto sintomatico di una devianza preoccupante, violenza e inciviltà sono modi di fare sdoganati. Abbiamo segnalato il fatto al Comune di Napoli".

“Abbiamo ricevuto la segnalazione di una pensilina dell’Anm totalmente distrutta a Barra, quartiere della periferia orientale di Napoli - scrive Borrelli - Qualcuno ha distrutto le vetrate, creando un ammasso di vetro tagliente che rappresenta un pericolo per chi attende l’autobus. Oltre a non poter più usufruire della pensilina e della panchina pertinenziale, dunque, i viaggiatori rischiano anche di farsi male per colpa di qualche incivile".

Quanto successo è per il consigliere regionale "sintomo di una devianza preoccupante. Violenza e teppismo sono modi di fare oramai sdoganati. Occorre trovare delle soluzioni sia sul piano della sicurezza che sul piano educativo per far sì che le sacche di inciviltà siano eliminate”. È stata inviata una nota a Comune e Anm perché rendano di nuovo agibile la fermata.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio dai canali ufficiali della soap

  • Nuova allerta meteo a Napoli, la decisione sulle scuole per lunedì 18 novembre

  • Emergenza strade: un'altra voragine si apre al Vomero

  • Venti forti e temporali su Napoli e provincia, prorogata l'allerta meteo

  • Allerta meteo e scuole chiuse: le ragioni e le possibili soluzioni

  • Pioggia e vento su Napoli e Campania, prorogata l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento