Diede fuoco alla sua ex, chiesto il rito abbreviato per Pietropaolo

La deicisione dei pm sull'uomo che ridusse in fin di vita Carla Caiazzo. La difesa contesta con perizie psichiatriche: i farmaci assunti al tempo avrebbero avuto effetti sulle sue azioni

Paolo Pietropaolo e Carla Caiazzo

La richiesta, al termine delle indagini, è perentoria: giudizio immediato. A formularla, ai danni di Paolo Pietropaolo, i pm Raffaello Falcone e Clelia Mancuso, del pool coordinato dal procuratore aggiunto Luigi Frunzio. Pietropaolo, che il primo febbraio scorso aggredì e diede fuoco alla sua ex compagna Carla Caiazzo a Pozzuoli - peraltro incinta di otto mesi all'epoca - è dall'epoca dei fatti in carcere.

Secondo gli inquirenti è da considerare l'aggravante della premeditazione all'accusa di tentato omicidio. Pietropaolo, che col rito abbreviato non passerebbe per l'udienza preliminare, aspetta la decisione del gip.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto è stato più volte visitato in carcere da psichiatri, al fine di valutare le sue condizioni di salute. La difesa punta sugli effetti che i tranquillanti assunti al tempo senza controllo medico avrebbero avuto sulla sua personalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento