"Deposito incontrollato di rifiuti": indagato il padre di Di Maio

La decisione della Procura di Nola, che ha iscritto nel registro degli indagati il padre del vicepremier

Antonio Di Maio, padre del vicepremier e Ministro del Lavoro Luigi, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Nola con l'ipotesi di "deposito incontrollato di rifiuti".

La decisione fa riferimento al ritrovamento di scarti edili e residui ferrosi nel terreno di famiglia a Mariglianella, dopo un sopralluogo della polizia locale. Le aree dove era stato rinvenuto il materiale, sono state sequestrate. 

"Siamo in presenza di un'ipotesi astratta. Il sequestro è finalizzato solo a consentire all'Arpac di stabilire se quanto rinvenuto rientri o meno nella categoria di rifiuti. Se anche fosse, la semplice rimozione determinerebbe l'estinzione automatica del reato", spiega a Repubblica l'avvocato Saverio Campana, legale di Antonio Di Maio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Lite in strada a Napoli in pieno giorno: morto un uomo

Torna su
NapoliToday è in caricamento