Otorini: «Tumore da cellulare? Nessuna evidenza scientifica»

La Sio esclude che ci sia una correlazione per la scarsa incidenza del tumore benigno al nervo acustico a fronte di un diffuso utilizzo dei cellulari

Nessuna evidenza scientifica di una correlazione certa tra l'esposizione ad onde elettromagnetiche a radiofrequenza e il neurinoma del nervo acustico. È questa in sintesi la posizione della Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia cervico facciale riguardo la possibilità che l'uso di cellulari possa portare al tumore al nervo acustico. Quello che in questi giorni è stato definito il “tumore da cellulare” è entrato prepotentemente nel dibattito dopo la sentenza del tribunale di Ivrea che ha riconosciuto come l'utilizzo del cellulare possa causare una patologia invalidante come un tumore, anche se benigno, valutando proprio il caso di un ricorrente.

La società specializzata che raccoglie i migliori esperti del settore ha dichiarato che per ora non ci sono evidenze scientifiche di correlazione tra l'utilizzo del cellulare e l'effetto dell'incorrere nella patologia anche se gli studi degli ultimi anni invitano ad un uso limitato degli apparecchi ad onde elettromagnetiche. Sono proprio le onde elettromagnetiche e i loro effetti ad avere gli unici risultati scientifici univoci e riconosciuti dalla comunità internazionale.

Gli studiosi del Sio fanno riferimento proprio a quanto stabilito dall'Iarc, Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro e dagli esperti della Commissione Europea che classificano «le onde elettromagnetiche vengono classificate come possibilmente cancerogene (gruppo 2B) in ordine di pericolosità dopo le sostanze certamente cancerogene e quelle probabilmente cancerogene». La bassa incidenza del tumore benigno al nervo acustico sulla popolazione convince però gli studiosi del Sio del fatto che non sia possibile «l'ipotesi di una correlazione significativa, stante l'ampia diffusione e l'uso intensivo del telefono cellulare».

Potrebbe interessarti

  • Le tignole: cosa sono e perché è meglio non averle in casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

  • Riapre la piscina della Mostra d'Oltremare dopo 3 anni

I più letti della settimana

  • Dramma per una famiglia napoletana in vacanza: 42enne muore mentre fa il bagno

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Tragedia a Scalea, muore turista napoletano: "Te ne sei andato troppo presto"

  • Dramma in autostrada, motociclista muore decapitato

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

Torna su
NapoliToday è in caricamento