Dal Kenya a Napoli per una delicata operazione al cuore: neonata salvata al Monaldi

Senza l'ospedale napoletano sarebbe morta

Una bimba, nata all'inizio di maggio 2019, a sole tre settimane di vita è stata trasportata a Napoli, grazie all'associazione Kenya Invisible Kids, per una delicata operazione. La neonata è stata ricoverata presso l'Unità operativa complessa di Cardiochirurgia pediatrica dell'Azienda ospedaliera dei Colli, diretta da Guido Oppido, per essere sottoposta a un intervento di trasposizione dei grandi vasi.

"E' arrivata da noi poche settimane dopo la nascita con una trasposizione dei grandi vasi e un difetto intraverticolare ed è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico con il quale abbiamo invertito le arterie reimpiantando anche le coronarie e corretto il difetto, ricostruendo il cuore. La piccola è stata operata e seguita attentamente per circa tre mesi ed è stata riaffidata alle cure della famiglia e del medico che l'ha seguita alla nascita e, grazie a questo intervento, che è definitivo e correttivo, avrà una prospettiva di vita assolutamente normale", spiega Guido Oppido.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Kenya

"Kenya Invisible Kids è una associazione che lavora in sinergia con l'Ospedale pubblico di Malindi e oggi ci occupiamo di oltre 50 bambini ogni anno per i quali ci facciamo carico delle spese mediche", spiega Massimo Vita, che fa parte dell'organizzazione. "Abbiamo cercato un ospedale in Europa che potesse effettuare questo particolare intervento e il Monaldi si è dichiarato disponibile ad aiutarci. Senza l'ospedale napoletano sarebbe morta", conclude Vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento