Offeso e schernito sul luogo di lavoro, la sua colpa? Essere gay

Il caso è giunto allo sportello legale di Arcigay Napoli. La vittima un cameriere di un hotel di Capri

E' giunta una denuncia allo sportello legale di Arcigay Napoli di un presunto caso di omofobia avvenuto a Capri ai danni di un 19enne, che ha riferito di essere stato più volte schernito con epiteti omofobi dal direttore di un hotel di Capri, durante e dopo lo svolgimento delle sue mansioni di cameriere.

"Il ragazzo, offeso e turbato, si è rivolto alla nostra associazione. Alla formale richiesta di una presa di distanza e di fornire una propria versione dei fatti avanzata alla proprietà dell’albergo non c’è stata alcuna risposta", precisa il portale di Arcigay.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un episodio grave che non rimarrà impunito – dichiara l’avvocato Salvatore Simioli, responsabile dello sportello legale di Arcigay Napoli – non è stata ancora varata una legge nazionale contro l’omofobia ma l’ordinamento già prevede strumenti legali a tutela dei lavoratori discriminati per il loro orientamento sessuale. Invito quindi chi è stato oggetto di discriminazioni a denunciare e a chiedere assistenza legale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento