Caso Romina Del Gaudio, 15 anni dopo l'omicidio si attende la possibile svolta

Il legale dello zio di Romina: "Abbiamo chiesto di analizzare i reperti sotto sequestro. Potrebbero esserci tracce di Dna da comparare con uno degli indagati"

(foto Ansa)

Potrebbe esserci a breve una svolta nel caso di Romina Del Gaudio, la 19enne napoletana uccisa nel casertano nel 2004. Secondo quanto riporta AdnKronos, l'avvocato Francesco Stefani, legale dello zio di Romina (Ciro Gallo), sta aspettando di essere autorizzato a svolgere nuovi esami su alcuni reperti trovati nel 2004 nel boschetto della Reggia di Carditello, dove fu ritrovato il corpo della giovane, che svolgeva l'attività di promoter telefonica. 

L'avvocato Stefani afferma che "la richiesta dipende dal fatto che il Dna trovato sui reperti sequestrato dovrà essere comparato col profilo genetico di uno di coloro che all'epoca fu indagato". Romina salutò per l'ultima volta la madre la mattina del 4 giugno 2004. Il suo corpo fu ritrovato il 20 luglio, un mese e mezzo dopo. 

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

Torna su
NapoliToday è in caricamento