menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Duplice omicidio nel napoletano: uccisi un 33enne e un 32enne

Le vittime, Francesco Tafuro e Marcello Liguori, erano in auto a Saviano quando sono state sorprese dai killer. Indagano i carabinieri

Duplice omicidio a Saviano. Con numerosi colpi d'arma da fuoco sono stati uccisi Francesco Tafuro, 33 anni, e Marcello Liguori, 32 enne già noto alle forze dell'ordine per gioco d'azzardo.

L'agguato poco dopo le 23.30 in via Olivella, una zona di campagna della cittadina vicino Nola. Le vittime erano in auto quando sono state sorprese dai killer. Un cadavere è stato rinvenuto all'interno della vettura e l'altro a poca distanza dalla macchina. Indagini dei carabinieri della Compagnia di Nola e del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna.

Nel giro di pochi giorni sono già cinque gli omicidi: lo scorso 6 febbrario, a Marigliano, fu ucciso, davanti casa, Francesco Esposito di 33 anni. A Napoli, nei quartieri Bagnoli e Miano, la notte tra il 4 e il 5 febbraio scorsi, furono ammazzati a distanza di poche ore, Giuseppe Calise, di 24 anni e Pasquale Zito, 21 anni.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Stefano, la telefonata alla fidanzata dopo l'incidente: "Sto bene". Poi la fine

    • Cronaca

      Tutti i dettagli dell'arresto di Ciro Nappo

    • Cronaca

      Carla Caiazzo, lacrime e dolore: la toccante intervista a "I Fatti Vostri"

    • Cultura

      "Dalla testa ai piedi", i quadri di Mariano Bruno e Rosanna Avenia

    Torna su