Duplice omicidio nel napoletano: uccisi un 33enne e un 32enne

Le vittime, Francesco Tafuro e Marcello Liguori, erano in auto a Saviano quando sono state sorprese dai killer. Indagano i carabinieri

Duplice omicidio a Saviano. Con numerosi colpi d'arma da fuoco sono stati uccisi Francesco Tafuro, 33 anni, e Marcello Liguori, 32 enne già noto alle forze dell'ordine per gioco d'azzardo.

L'agguato poco dopo le 23.30 in via Olivella, una zona di campagna della cittadina vicino Nola. Le vittime erano in auto quando sono state sorprese dai killer. Un cadavere è stato rinvenuto all'interno della vettura e l'altro a poca distanza dalla macchina. Indagini dei carabinieri della Compagnia di Nola e del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna.

Nel giro di pochi giorni sono già cinque gli omicidi: lo scorso 6 febbrario, a Marigliano, fu ucciso, davanti casa, Francesco Esposito di 33 anni. A Napoli, nei quartieri Bagnoli e Miano, la notte tra il 4 e il 5 febbraio scorsi, furono ammazzati a distanza di poche ore, Giuseppe Calise, di 24 anni e Pasquale Zito, 21 anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Paura alla Sanità, spari contro la vetrina di Poppella

    • Cronaca

      Tiziana Cantone, il legale: "Proveremo a eliminare immagini e video osceni"

    • Cronaca

      Crisi respiratoria: la polizia municipale salva un neonato

    • Cronaca

      Tentata rapina, operaio ferito con colpi d'arma da fuoco

    I più letti della settimana

    • La nuova folle moda delle baby gang napoletane: pistola in faccia, ma non per rapina

    • Bare abbandonate nel cimitero di Poggioreale: "È un'offesa"

    • Luigi, scomparso da Meta di Sorrento: "Torna, hai diritto di vivere nella tua città"

    • Quattro anni e mezzo allo stalker di Quagliarella: "Giustizia è fatta"

    • Crollo in via dei Mille, tre operai schiacciati da una lastra di marmo

    • Allarme meningite, un caso al Maresca: chiuso il pronto soccorso

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento