Omicidio D'Andò, 20 anni al boss Mariano Riccio e a quattro affiliati

Riccio si era autoaccusato dell'assassinio di lupara bianca avvenuto il 2 febbraio del 2011. Il corpo del suo braccio destro è stato ritrovato solo due mesi fa, proprio su indicazione dello stesso Riccio

Vent'anni di carcere. È la condanna stabilita per il boss Mariano Riccio, reo confesso dell'omicidio - un caso di "lupara bianca" - di Antonino D'Andò, il cui corpo è stato ritrovato due mesi fa.

La vittima fu attirata in una trappola e poi uccisa con un badile, quindi ne fu martoriato il corpo. Era il 2 febbraio 2011 quando D'Andò, fedelissimo di Riccio - a sua volta genero del capo degli Scissionisti di Scampia e Secondigliano Cesare Pagano - venne assassinato.

Il ritrovamento del corpo di D'Andò

È stato proprio Riccio a indicare al giudice dove era stato seppellito il suo ex uomo di fiducia. Con lui hanno confessato anche Giosuè Belgiorno, Emanuele Baiano, Mario Ferraiuolo e Ciro Scognamiglio.

La confessioni erano state ritenute tardive dai pm che ne avevano chiesto l'ergastolo, ma alla fine il gup ha concesso le attenuanti e condannato ciascuno di loro a 20 anni.

L'uccisione di D'Andò fu una sorta di epurazione interna al clan.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • Ogni quanto bisogna lavare le lenzuola e perché

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Il noto attore di Un Posto al Sole schiaffeggiato alla fermata del bus: il racconto

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

Torna su
NapoliToday è in caricamento