Lupara bianca: ritrovato il corpo di Antonino D'Andò, ucciso nel 2011

Sono stati i presunti killer, attualmente sotto processo, ad indicare al Gip dove era stata sepolta la salma. Le ossa, in un sacco bianco, si trovavano in una campagna di Arzano

Immagine d'archivio

È stato ritrovato il corpo di Antonino D'Andò, uomo degli Amato morto per mano del clan Pagano nel 2011.

I resti della vittima di lupara bianca si trovavano in una zona di campagna di via del Re, ad Arzano. I carabinieri hanno stamane proceduto alle operazioni di scavo.

Omicidio D'Andò, sette persone in manette

Sono stati i presunti killer, attualmente sotto processo, ad indicare - nell'udienza davanti al Gip avvenuta a Napoli lo scorso 22 marzo - dove era stata sepolta la vittima dell'agguato del 2 febbraio del 2011. Le ossa dell'uomo sono state trovate all'interno di un sacco bianco.

L'uccisione di D'Andò fu una sorta di epurazione interna agli Amato. Venne attirato in una trappola: convocato per una riunione in uno dei covi del clan, fu assassinato da un uomo dei Pagano, clan che si assunse la diretta responsabilità dell'omicidio.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Nela e la battaglia contro il cancro: "Quando arriva non ti lascia più. Ho pensato al suicidio"

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento