Uccisa come un boss: l'agguato alle 54enne Annamaria Palmieri

La vittima dei killer aveva precedenti per associazione mafiosa, droga e reati contro il patrimonio

L'omicidio, foto Tommasone

Si chiamava Annamaria Palmieri la 54enne, con precedenti per associazione mafiosa oltre che per droga e reati contro il patrimonio, assassinata ieri sera nel “bronx” di San Giovanni a Teduccio intorno alle 21.

La donna, prima vittima della camorra nel 2018, è stata uccisa con un'esecuzione di quelle destinate solitamente ai boss: tre colpi sparati al viso.
Particolarmente nota nella zona, non organica ma legata al clan Formicola, era soprannominata “Nino D'Angelo” per i suoi capelli a caschetto.

L'omicidio della 54enne: si torna a sparare in città

Le indagini vanno avanti già a ritmo serrato. Gli investigatori hanno sequestrato il suo telefonino, per indagare nella vita della donna e nelle sue recenti frequentazioni: chi ha sparato conosceva dei suoi spostamenti, sapeva che ieri sera stava dirigendosi a casa di suo figlio.

I MOTIVI DELL'OMICIDIO

L'agguato è avvenuto in via Alveo Artificiale. Due spari, la donna ha cercato di mettersi al riparo, poi è finita: i killer l'hanno raggiunta e le hanno sparato al volto.

La zona di San Giovanni a Teduccio sta vedendo negli ultimi mesi una recrudescenza della faida camorristica, tra stese e attentati.

Potrebbe interessarti

  • Ogni quanto bisogna lavare le lenzuola e perché

  • Formiche: tutti i rimedi per allontanarle di casa

  • Il miglior bartender d'Italia è Salvatore Scamardella

  • Sai quali sono gli alimenti da non congelare a casa?

I più letti della settimana

  • Morta sull'Asse mediano: la vittima è Imma Papa

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 24 al 28 giugno: Diego si mette nei guai

  • Muore noto commerciante: il cordoglio sui social

  • Tragico incidente sull'Asse Mediano: morta una donna

  • Un napoletano conquista All Together Now: Rega vince con Pino Daniele e De Crescenzo

  • E' morta Loredana Simioli, raccontò il cancro con grande coraggio

Torna su
NapoliToday è in caricamento