Omicidio Alessandra Madonna: la procura ricorre in Appello

Troppo mite la condanna per omicidio volontario. La procura di Napoli nord spinge per l'omicidio volontario

Una condanna troppo mite per omicidio stradale. Non ci sta la procura di Napoli nord che ha deciso di presentare appello per la condanna inflitta a Giuseppe Varriale per l'omicidio dell'ex fidanzata Alessandra Madonna. Il sostituto procuratore Valeria Palmieri ha presentato appello per la condanna a quattro anni e otto mesi per omicidio stradale inflitta al 26enne di Mugnano.

La procura aveva chiesto una condanna molto più dura e per un reato molto più grave: 30 anni per omicidio volontario. Il Gup Antonino Santoro ha valutato diversamente a novembre considerando il reato molto meno grave di quanto ipotizzato dal pubblico ministero. Per questo motivo la procura ha deciso di ricorrere ai giudici di Appello nel tentativo di vedere affermata la responsabilità penale dell'imputato secondo i canoni dettati dall'inchiesta condotta dai magistrati napoletani. In seconda istanza il pm ha chiesto che venga considerata almeno l'ipotesi dell'omicidio preterintenzionale.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

Torna su
NapoliToday è in caricamento