Omicidio Alessandra Madonna: la procura ricorre in Appello

Troppo mite la condanna per omicidio volontario. La procura di Napoli nord spinge per l'omicidio volontario

Una condanna troppo mite per omicidio stradale. Non ci sta la procura di Napoli nord che ha deciso di presentare appello per la condanna inflitta a Giuseppe Varriale per l'omicidio dell'ex fidanzata Alessandra Madonna. Il sostituto procuratore Valeria Palmieri ha presentato appello per la condanna a quattro anni e otto mesi per omicidio stradale inflitta al 26enne di Mugnano.

La procura aveva chiesto una condanna molto più dura e per un reato molto più grave: 30 anni per omicidio volontario. Il Gup Antonino Santoro ha valutato diversamente a novembre considerando il reato molto meno grave di quanto ipotizzato dal pubblico ministero. Per questo motivo la procura ha deciso di ricorrere ai giudici di Appello nel tentativo di vedere affermata la responsabilità penale dell'imputato secondo i canoni dettati dall'inchiesta condotta dai magistrati napoletani. In seconda istanza il pm ha chiesto che venga considerata almeno l'ipotesi dell'omicidio preterintenzionale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ragazzino prova a recuperare il pallone, cade da 12 metri: è in coma

  • Cronaca

    Dipendenti rifiutano gli straordinari: la Circum si blocca

  • Cronaca

    Diede fuco a Carla Caiazzo: la Cassazione conferma i 18 anni per l'ex

  • Attualità

    Lotto, estrazioni 19 marzo 2019: la ruota di Napoli

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 marzo (giorno per giorno)

  • Terremoto, sciame sismico di decine di scosse tra Napoli e Pozzuoli

  • Napoletano esordisce a soli 16 anni in Europa League, il papà: "Ho un messaggio per De Laurentiis"

  • Piano per il lavoro Regione Campania, on line la tabella dei profili richiesti

  • "Sciopero per il clima", domani in corteo anche gli studenti napoletani

  • Striscione sulla statua di Garibaldi: "Viva Napoli, viva il Meridione. Non riconosciamo l'Italia nazione"

Torna su
NapoliToday è in caricamento