"Non siamo mica a Napoli": ennesimo episodio di discriminazione

La scritta è apparsa su alcuni cassetti della differenziata a Bologna. L'emergenza rifiuti, ormai risalente a 5 anni fa, porta ancora delle conseguenze

Foto Twitter

Un'associazione mentale, discriminatoria e non propriamente colta, che resta radicata in gran parte del Paese. Avvicinare ancora Napoli ai rifiuti, nonostante la crisi della "monnezza" sia ormai alle spalle da cinque anni, è uno scivolone in cui incappano ancora in molti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ultimo episodio è stato denunciato – con ironia – da un utente Twitter. È relativo a dei cassonetti della differenziata collocati in una strada di Bologna. L'invito – scritto con vernice spray –, per evitare che qualcuno possa gettare i rifiuti a terra e dare prova d'inciviltà, non è dei più felici: "Non siamo mica a Napoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

Torna su
NapoliToday è in caricamento