Camorra, clan Giuliano: arrestato il boss latitante Nicola De Martino

Fatale per il 23enne, latitante da due anni, l'incontro con la moglie e con il figlioletto neonato in un appartamento di Saviano

Nicola De Martino, nipote di Guglielmo Giuliano, uno dei capi storici del clan Giuliano, attivo nel centro storico di Napoli, dopo un periodo di latitanza, è stato arrestato. A tradirlo un incontro con la famiglia, che ha consentito ai carabinieri della sezione "catturandi" del nucleo investigativo di Napoli di stanarlo ed arrestarlo.

Il 23enne, latitante dal maggio 2014, doveva scontare due anni di reclusione per gravi reati commessi quando era ancora minorenne e sul suo capo pendeva un ordine di esecuzione residua di due anni e un mandato di cattura internazionale per associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico internazionale di droga, porto e detenzione illegale di armi.

De Martino è ritenuto un elemento di spicco dei gruppi camorristici di giovanissimi che operano nel centro storico partenopeo. E' stato scovato al quarto piano di un appartamento di Saviano, dopo aver incontrato la moglie e il figlioletto neonato.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Abusi su una bimba di 3 anni, Calderoli: "Serve l'ergastolo"

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale, scontro tra auto e scooter: ferita una undicenne

  • Cronaca

    "Datemi quello che mi spetta o mi do fuoco": l'appello di Ciro, malato di tumore

  • Cronaca

    Pozzuoli, lungomare inquinato: scatta il divieto di balneazione

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2018-2019: trattative, acquisti e cessioni

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dall'18 al 22 giugno 2018

  • Gordon Ramsay in vespa rosa a Napoli

  • De Laurentiis: "Il mio unico rimpianto è non aver tenuto Quagliarella"

  • L'Oroscopo dell'astrologo napoletano Franko Angelone: settimana dal 18 al 24 giugno

  • Esplosione nei pressi di via Toledo: incendio e paura per gli abitanti

Torna su
NapoliToday è in caricamento