Napolipark, prorogato a settembre il rinnovo dei permessi

Il 30 settembre è il termine ultimo per mettersi in regola con il pagamento della tariffa di sosta per i residenti auto in città. L’azione si è resa necessaria dopo le lamentele dei cittadini e il caos negli uffici delle Municipalità

I cittadini hanno vinto e il Comune non ha potuto che dar loro ragione. Napolipark, l’azienda che fornisce il servizio di supporto logistico-amministrativo alle attività svolte dalla Polizia Locale in tema di rimozione forzata e temporanea custodia dei veicoli in sosta vietata, ha deciso di allungare i tempi. Una proroga dal 31 luglio al 30 settembre per mettersi in regola con il pagamento della tariffa di sosta per i residenti auto in città.


Una scelta obbligata dopo il massiccio caos, e le ripetute proteste dei napoletani, che si sono riversati in questi giorni presso gli uffici delle Municipalità. Meno di un mese di tempo per pagare, considerando lo stop di agosto dovuto alle vacanze estive, ed ecco scattare il panico.

A variare, dunque, solo la data dell’ultima chiamata. Per il resto, la procedura rimane uguale. A chi ne farà richiesta, oltre che ai cittadini già titolari del permesso 2008, Napolipark invierà via posta la documentazione necessaria per permettere di rinnovare l'ologramma da esporre 24 h su 24 sul parabrezza dell'automobile. Due le tariffe per assicurarsi il permesso: 10 euro se il cittadino effettuerà il rinnovo recandosi nella sede della municipalità, 14 euro se si sceglierà di utilizzare il più comodo servizio a domicilio.

In quest’ultimo caso, occorrerà rispedire tramite raccomandata il plico con tutta la documentazione, ricevuta di pagamento del bollettino compresa. Per chi invece si recherà di persona presso le municipalità Vomero, Arenella, Chiaia, Fuorigrotta- Bagnoli e San Lorenzo-Vicaria, gli orari degli uffici sono i seguenti: 9-13 dal lunedì al venerdì.


Questa la documentazione necessaria per il rinnovo: autocertificazione ICI 2008 e Ta.R.S.U. 2008, fotocopia dei documenti di identità del dichiarante, autocertificazione fotocopia dell'attestato del bollettino di pagamento di 10 o 14 euro, fotocopia del libretto di circolazione dell'autovettura per cui si richiede il permesso. Inoltre, per le autovetture con massa complessiva a pieno carico inferiore a 35 quintali e immatricolate da oltre 4 anni, occorre la copia della scheda Bollino Blu in corso di validità.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento