Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Napoli fanalino di coda per servizi alla prima infanzia: il soccorso di Pianoterra alle madri

 

Scarsi servizi all'infanzia, scarse possibilità di accesso ad scuole materne, enorme dispersione scolastica, poche scuole aperte di pomeriggio. Napoli, più in generale tutta la Campania, è nel fondo della classifica per diversi elementi legati alla crescita dei dei bambini. Una situazione che mette in seria difficoltà molte madri, oltre a minare il futuro dei ragazzi. 

L'associazione Pianoterra ha presentato, al Museo archeologico nazionale, il bilancio di 10 anni di attività, in cui ha aiutato 600 donne italiane e straniere ad assistere ai loro figli durante la prima infanzia e, allo stesso tempo, reinserirle nel mondo del lavoro. 

"Il nostro sogno è quello di creare una rete per la micro-imprenditoria femminile, ma siamo ancora in fase sperimentale" spiega la responsabile scientifica di Pianoterra, Flaminia Trapani.

Uno dei partner per la realizzazione di questi progetti è Save The Children: "In Campania meno di 2 bambini su cento hanno accesso all'asilo - afferma Raffaella Milano di Save - Inoltre, Napoli è una delle città con il minor numero di scuole aperte nel pomeriggio ma con la più alta dispersione scolastica. Per questo motivo, i progetti di Pianoterra sono fondamentali sia per i bimbi che per le madri".

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento