menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Addio all'attore napoletano Umberto Bellissimo: aveva 59 anni

Cominciò sotto la guida di Eduardo De Filippo alla fine degli anni Settanta. Le collaborazioni con Vincenzo Salemme e con Alessandro Siani, oltre alle fiction "La squadra" e "Orgoglio"

E' morto l'attore Umberto Bellissimo. Alle spalle, una carriera quasi quarantennale tra teatro, cinema e televisione. Il debutto, alla fine degli anni Settanta, interpretando testi di Eduardo De Filippo, Brecht, Molière e Goldoni. Nel 1981 venne diretto dallo stesso Eduardo in "La donna è mobile" di Vincenzo Scarpetta.

Belissimo lavorò anche con il figlio di Eduardo, Luca, con il nipote Luigi e con Mario Santella, Armando Pugliese, Bruno Garofalo, Andrée Ruth Shammah, Peppe Barra, Geppy Glejeses e altri. Sul grande schermo, nel 1982, "Mi manda Picone" di Nanni Loy. Poi le collaborazioni con Vincenzo Salemme e con Alessandro Siani, oltre alle fiction "La squadra" e "Orgoglio".

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cultura

      Gomorra, parla la trans "Nina": "Anche nella vita ho avuto un fidanzato come Salvatore Conte"

    • Cronaca

      Agguato in via Catone: muore in ospedale un 37enne

    • Notizie SSC Napoli

      CALCIOMERCATO - Dalla Francia: "Psg, avviati contatti con entourage Higuain"

    • Cronaca

      Gomorra, intervista alla trans Alessandra Langella: "Ogni giorno mi scontro con i pregiudizi"

    Torna su