Chalet va in fiamme: muore il figlio dell'amministratore delegato di Msc

Lorenzo Onorato, 21 anni, ha perso la vita mentre si trovava in una baita in compagnia di alcuni amici in Svizzera. Ancora sconosciute le cause dell'incendio

Lorenzo Onorato

Lorenzo Onorato, 21 anni, figlio di Gianni, amministratore delegato di Msc Crociere, ha perso la vita in circostanze tragiche mentre si trovava in un appartamento situato Villars nel Canton Vaud in Svizzera.

A spegnere la vita del giovane un terribile incendio che si è sviluppato improvvisamente per cause ancora da accertare, avvolgendo la mansarda della baita dove alloggiava Lorenzo Onorato, mentre era in compagnia dei suoi amici, che sono riusciti a differenza sua a sfuggire alla fiamme. Nulla da fare invece per Lorenzo rimasto intrappolato nella baita.

L'incendio ha reso completamente inagibile tutta la palazzina, che è stata evacuata per ragioni di sicurezza. Lorenzo, nato a Genova, viveva e studiava in Svizzera, a Ginevra, dove il padre, originario di Torre del Greco, dirige da due anni il settore crocieristico di Msc.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Assenteisti all'ospedale Loreto Mare: "Presenti anche se in ferie"

    • Politica

      De Magistris al Carnevale del Gridas di Scampia: "Questo territorio è vivo"

    • Cronaca

      Pianura, tabaccheria rapinata durante la partita del Napoli

    • Cronaca

      Eccezionale afflusso di ammalati in ospedale, arrivano i carabinieri

    I più letti della settimana

    • Torna l'ora legale: lancette avanti domenica 26 marzo 2017

    • Luigi, scomparso da Meta di Sorrento: "Torna, hai diritto di vivere nella tua città"

    • Lutto a Sant’Antimo, si è spento a 30 anni Raffaele Petrone

    • Tragedia a Castellammare, ragazzo trovato impiccato nel bosco

    • Si innamora di una ragazza su Nalbero, ma lei sta per sposarsi

    • Furto al santuario di Pompei: sparisce un candelabro rivestito d'oro

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento