Chalet va in fiamme: muore il figlio dell'amministratore delegato di Msc

Lorenzo Onorato, 21 anni, ha perso la vita mentre si trovava in una baita in compagnia di alcuni amici in Svizzera. Ancora sconosciute le cause dell'incendio

Lorenzo Onorato

Lorenzo Onorato, 21 anni, figlio di Gianni, amministratore delegato di Msc Crociere, ha perso la vita in circostanze tragiche mentre si trovava in un appartamento situato Villars nel Canton Vaud in Svizzera.

A spegnere la vita del giovane un terribile incendio che si è sviluppato improvvisamente per cause ancora da accertare, avvolgendo la mansarda della baita dove alloggiava Lorenzo Onorato, mentre era in compagnia dei suoi amici, che sono riusciti a differenza sua a sfuggire alla fiamme. Nulla da fare invece per Lorenzo rimasto intrappolato nella baita.

L'incendio ha reso completamente inagibile tutta la palazzina, che è stata evacuata per ragioni di sicurezza. Lorenzo, nato a Genova, viveva e studiava in Svizzera, a Ginevra, dove il padre, originario di Torre del Greco, dirige da due anni il settore crocieristico di Msc.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Chiaia

      Natale a Napoli, un albero di 30 metri sul lungomare

    • Cronaca

      Il super vulcano Marsili è attivo: rischio tsnunami in Campania e Calabria

    • Cronaca

      Giallo sulla morte di un uomo: "Giunto già senza vita in ospedale"

    • Fuorigrotta

      Edenlandia: "C’è tanto lavoro da fare"

    I più letti della settimana

    • Torna l'ora solare: lancette indietro, si dorme un'ora in più

    • Nuovo video a luci rosse in rete, protagonista una napoletana: "Fermatelo"

    • Vesuvio, incubo eruzione: l'appello per scongiurare la possibile catastrofe

    • Tragedia stradale a Caivano, perde la vita un centauro

    • Nuovo video hot nel napoletano, la Lucarelli: "Ho denunciato tutto alla Polizia"

    • Maria Rosaria diventa madre a 61 anni: "È stata una gravidanza tranquilla"

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento