Chalet va in fiamme: muore il figlio dell'amministratore delegato di Msc

Lorenzo Onorato, 21 anni, ha perso la vita mentre si trovava in una baita in compagnia di alcuni amici in Svizzera. Ancora sconosciute le cause dell'incendio

Lorenzo Onorato

Lorenzo Onorato, 21 anni, figlio di Gianni, amministratore delegato di Msc Crociere, ha perso la vita in circostanze tragiche mentre si trovava in un appartamento situato Villars nel Canton Vaud in Svizzera.

A spegnere la vita del giovane un terribile incendio che si è sviluppato improvvisamente per cause ancora da accertare, avvolgendo la mansarda della baita dove alloggiava Lorenzo Onorato, mentre era in compagnia dei suoi amici, che sono riusciti a differenza sua a sfuggire alla fiamme. Nulla da fare invece per Lorenzo rimasto intrappolato nella baita.

L'incendio ha reso completamente inagibile tutta la palazzina, che è stata evacuata per ragioni di sicurezza. Lorenzo, nato a Genova, viveva e studiava in Svizzera, a Ginevra, dove il padre, originario di Torre del Greco, dirige da due anni il settore crocieristico di Msc.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Miano

      Incendio in un appartamento a Miano, trovato il cadavere carbonizzato di un uomo

    • Cronaca

      Tentata rapina finita nel sangue: 34enne in gravi condizioni

    • Cronaca

      Cardarelli, l'allarme: "In aumento l'afflusso di pazienti al pronto soccorso"

    • Cronaca

      Lite in strada, accoltellato 33enne: è in gravi condizioni

    I più letti della settimana

    • Angela Celentano, dal Messico 144mila euro a chi fornirà informazioni

    • Alessia si è sposata: è la prima trans ad aver pronunciato il fatidico sì

    • Incidente ferrovia del Brennero, campane le due vittime

    • Scritta omofoba contro Alessia Cinquegrana nel giorno del suo matrimonio

    • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

    • Melito, donna precipita dal quarto piano: muore sul colpo

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento