Si era incamminato da Policastro a Napoli: trovato il corpo di Simon Gautier

L'escursionista francese, 27 anni, aveva chiamato i soccorsi lo scorso 9 agosto. Da allora ricerche incessanti, fino al tragico epilogo di ieri sera

Simon Gautier, il turista francese di 27 anni disperso dal 9 agosto nel Golfo di Policastro, non ce l'ha fatta. Il ragazzo si era diretto a piedi verso Napoli lungo un sentiero, poi aveva lanciato un sos disperato. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato nella serata di ieri.

Il 27enne viveva a Roma e frequentava un dottorato in Storia dell'arte dopo essersi laureato alla Sorbona. Era un appassionato di escursionismo, e non era alla sua prima esperienza in una impresa simile. La procura ha aperto un'inchiesta sulla vicenda.

L'accusa: "In Francia si sarebbe fatto meglio"

I genitori e la sorella di Simon hanno appreso la notizia nell'albergo di Policastro in cui si trovano, e sono stati raggiunti da un'equipe di psicologi messi a disposizione dall'ambasciata francese.
La loro accusa è che i soccorsi fin da subito avrebbero potuto fare di più, e che "in Francia si sarebbe fatto meglio".

S'incammina dal Cilento a Napoli: scomparso turista francese

Le ricerche

Nella giornata di ieri erano state trovate tracce di sangue in prossimità della spiaggia della Molara di Scario. Le ricerche – i cui presunti ritardi sono stati in realtà smentiti dalla prefettura – si sono svolte su un territorio vasto e con molte asperità, con cani molecolari, elicotteri e droni. Hanno partecipato numerosi volontari della Protezione civile e una ventina di amici dello stesso Simon.

La disperata telefonata di Simon

A dare l'allarme su quanto accaduto era stato lo stesso giovane escursionista nella mattinata del 9 agostro scorso. "Mi potete aiutare? Sono caduto, ho due gambe rotte", spiegà il ragazzo al 118, aggiungendo di non sapere dove si trovavasse. "Non ti possiamo localizzare, seo in casa, per strada, da solo?", gli domandò l'operatore del 118. "In realtà sono in campeggio, o meglio sto camminando da solo". "È caduto in una scarpata o in pianura?". Simon: "No, in scarpata, mi potete aiutare?. Sono partito questa mattina da Policastro verso Napoli". 118: "Quindi da Policastro verso Napoli, ma su che strada?". Simon: "All'inizio c'era un sentiero poi l'ho perso". 118: "Ora provo con i carabinieri a localizzare il cellulare. Tenga libero il suo cellulare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raggiunta Policastro in treno, giovedì 8 Simon aveva dormito in tenda sulla spiaggia di Scario. Ha spento il cellulare per riaccenderlo verso le 6 del giorno successivo iniziando il suo percorso escursionistico direzione Napoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Casatiello napoletano: la ricetta di Enrico Porzio

  • Il lockdown di Valentina Nappi: "Senza mutande a casa col mio ragazzo e un pitone"

Torna su
NapoliToday è in caricamento