Botti illegali, una strage: 6 morti e 680 feriti dal 2008

A margine del sequestro di una tonnellata di fuochi ritrovati a 50 metri da una scuola, Legambiente Campania dà le cifre delle vittime di questa "stupida e criminale usanza"

“Custodire un piccolo arsenale di fuoco vicino ad una scuola è da criminali”. Il presidente di Legambiente Campania  Michele Buonomo è intervenuto a proposito del sequestro – da parte della guardia di finanza – di una tonnellata di fuochi d'artificio illegali ritrovati tra Melito e Sant'Antimo, a soli 50 metri da una scuola.

“La corsa alla giostra criminale dei botti illegali è iniziata – spiega Buonuomo – Plaudiamo l'operato delle forze dell'ordine da sempre impegnate ogni anno nel contrasto all'attività. Speriamo che questi primi sequestri siano da monito ai tanti cittadini che alimentano questa stupida e criminale usanza”.

Una tradizione che negli ultimi sei anni, dal 2008 al 2013, secondo i dati della polizia elaborati proprio da Legambiente, ha visto in Campania 680 feriti, di cui 449 solo a Napoli e provincia, e sei morti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole cambia orario: l'annuncio

  • Lutto nella moda, scompare la signora Di Fiore Settanni: era emblema dello stile caprese

  • Lutto in casa Napoli: si è spento Mistone, terzino in azzurro negli anni '50 e '60

  • Cosa ci fa una cuccia al centro di Piazza Garibaldi? La risposta

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

Torna su
NapoliToday è in caricamento