Addio a Matteo Rodia, storico diacono di Secondigliano

Si è spento per un improvviso malore. Per 30 anni ha fatto parte della comunità della parrocchia dei Sacri cuori

Matteo Rodia, in foto l'ultimo a destra

Una figura storica per la comunità di Secondigliano che ha accompagnato il percorso di fede di tante persone del quartiere. Si è spento il diacono della parrocchia Sacri cuori, Matteo Rodia. L'ha ucciso un improvviso malore. Tutta la comunità ne ha un ottimo ricordo e lo ricorda al fianco di parroci e sacerdoti della congregazione.

Per tanti anni è stato sull'altare accanto a padre Salvatore Izzo, anch'egli scomparso. La sua opera presso la parrocchia è durata per circa 30 anni insieme alla moglie Liliana che si occupava dei ministranti. A dare la notizia della sua scomparsa è stato il sito Periferiamonews. I funerali si svolgeranno oggi, 11 gennaio, alle 11 nella sua parrocchia.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

Torna su
NapoliToday è in caricamento