Morte della piccola Irene, medico sotto processo chiede il rito abbreviato

Secondo l'accusa, i due indagati avrebbero "omesso un'accurata diagnosi dello stato clinico della paziente affetta da una grave patologia cardiaca"

Irene

La vicenda di Irene, la bimba di tre anni che perse la vita dopo un trapianto di cuore, ha avuto strascichi legali. Due medici sono stati messi sotto processo. Uno di questi ha chiesto il giudizio abbreviato.

Secondo l'accusa, entrambi avrebbero "omesso un'accurata diagnosi dello stato clinico della paziente affetta da una grave patologia cardiaca" quando – il 16 gennaio 2015 – la piccola giunse in ospedale con febbre, tosse e tachicardia.
Dopo alcuni esami, fu dimessa e affidata alle cure del pediatra: le sue condizioni sarebbero però perggiorate, fino ad un nuovo ricovero in ospedale in arresto cardiaco e al tragico epilogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle prossime udienze gli indagati chiariranno la loro versione. I vertici dell'ospedale, il San Giuliano di Giugliano, definirono la vicenda "una tragica fatalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento