Morte di Ciro Esposito, la difesa: "De Santis agì per legittima difesa"

L'avvocato Tommaso Politi: "Per lui chiedo l'assoluzione per legittima difesa". Tutta la vicenda

"La pistola con cui Daniele De Santis ha fatto fuoco non era sua perché non aveva armi con sè. Per lui chiedo l'assoluzione per legittima difesa". A sostenerlo in aula, l'avvocato Tommaso Politi, difensore dell'ultrà romanista accusato dell'omicidio di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli ferito da un colpo di pistola nel prepartita della finale di Coppa Italia del 2014 e morto dopo 50 giorni di agonia. Per De Santis la procura di Roma ha chiesto l'ergastolo.

Politi ha affermato che De Santis era già in fin di vita quando venne raggiunto, nel vialetto di accesso al Ciak Village, dal gruppo di tifosi del Napoli di cui faceva parte Ciro Esposito. "Era gravemente ferito ad un piede e raggiunto da coltellate. Gastone aveva cercato di fuggire e mettersi in salvo chiudendo il cancello del Ciak Village".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel calcio a 5 napoletano, si è spento l'ex portiere della Nazionale Antonio Capuozzo

  • Madre e figlia dormono in auto, l'appello: "Non hanno più soldi. Sono da mesi in queste condizioni"

  • Scontro treni Metro Linea 1, feriti trasportati in ospedale

  • Lutto a Pianura: si è spento il poliziotto Gaetano Senarcia

  • Le imprese cercano 31mila dipendenti in provincia di Napoli, ma non riescono a trovarli

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

Torna su
NapoliToday è in caricamento