Morte di Ciro Esposito, la difesa: "De Santis agì per legittima difesa"

L'avvocato Tommaso Politi: "Per lui chiedo l'assoluzione per legittima difesa". Tutta la vicenda

"La pistola con cui Daniele De Santis ha fatto fuoco non era sua perché non aveva armi con sè. Per lui chiedo l'assoluzione per legittima difesa". A sostenerlo in aula, l'avvocato Tommaso Politi, difensore dell'ultrà romanista accusato dell'omicidio di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli ferito da un colpo di pistola nel prepartita della finale di Coppa Italia del 2014 e morto dopo 50 giorni di agonia. Per De Santis la procura di Roma ha chiesto l'ergastolo.

Politi ha affermato che De Santis era già in fin di vita quando venne raggiunto, nel vialetto di accesso al Ciak Village, dal gruppo di tifosi del Napoli di cui faceva parte Ciro Esposito. "Era gravemente ferito ad un piede e raggiunto da coltellate. Gastone aveva cercato di fuggire e mettersi in salvo chiudendo il cancello del Ciak Village".

Potrebbe interessarti

  • Dieta: 7 alimenti che credi facciano dimagrire e invece fanno ingrassare

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Ancelotti furioso al Franchi, voci di esonero per Sarri: inizio col botto in Serie A

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento