Carolina Sepe non ce l'ha fatta: la giovane donna è morta

In coma da quattro mesi, lo scorso 19 dicembre diede alla luce la piccola Maria Liliana. Era rimasta ferita alla testa durante una lite in cui fu ucciso suo padre

Carolina Sepe

É morta Carolina Sepe, la donna in coma da quattro mesi che lo scorso 19 dicembre, all'ospedale Cardarelli di Napoli, diede alla luce la piccola Maria Liliana. La donna era rimasta ferita alla testa lo scorso agosto durante una lite, a Lauro (Avellino) nel corso della quale fu ucciso suo padre.

LA VICENDA - Era il 25 agosto quando Carolina rimase ferita. Era incinta, alla decima settimana. Le sue condizioni apparvero subito gravi. Ed è anche per questo che la sua gravidanza e poi il parto di Maria Liliana, poco più di un chilo di peso, apparvero a tutti come un miracolo. Era ricoverata all'ospedale Cardarelli di Napoli, lì dove il marito Giampiero pregava giorno e notte. La tragedia si verificò in un cortile di Lauro, provincia di Avellino. É lì che l'ex guardia giurata Domenico Aschettino, iniziò a sparare uccidendo il papà di Carolina, Vincenzo Sepe, e ferendo anche la mamma e il fratello. Una lite, scoppiata secondo la versione dell'omicida per motivi di viabilità, nel corso della quale rimase ferita anche la suocera di Vincenzo Sepe, morta dopo due mesi di agonia. (Ansa)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Notizie SSC Napoli

      Sampdoria-Napoli 2-4: gli azzurri chiudono terzi con l'ennesima goleada

    • Cronaca

      Sbarco migranti nel porto di Napoli: ci sono due cadaveri a bordo

    • Cronaca

      Movida, sabato di sangue a Chiaia: tre giovani accoltellati

    • Cronaca

      Video hot diffusi su WhatsApp: nuovo caso nel napoletano

    I più letti della settimana

    • Scuole, in Campania si torna sui banchi il 14 settembre

    • Addio "all'innovatore" della Regione Campania: Pierino Russo non c'è più

    • Omicidio ad Afragola: si segue la pista dell'agguato camorristico

    • Sparatoria a Miano davanti all'ufficio postale: due morti

    • Tragedia sui binari: muore travolta da un treno della metropolitana

    • Agguato in una tabaccheria: uccisi padre e figlio

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento