Ai domiciliari, litiga con la moglie e la minaccia con un coltello

Il 42enne è stato arrestato con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e minacce aggravate. I carabinieri hanno anche accertato che già in passato si era reso protagonista di episodi di violenza domestica

Durante la detenzione domiciliare, nella sua casa al Rione Sanità, ha litigato con la moglie arrivando a minacciarla di morte con un coltello. L'uomo, un 42enne già sottoposto ai domiciliari  per evasione e reati contro l'incolumità pubblica, è stato arrestato dai carabinieri della stazione Napoli Stella, insieme ai colleghi del reggimento Campania, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e minacce aggravate.

I militari dell’arma sono intervenuti nella sua abitazione immediatamente dopo che il 42enne, al culmine di una lite per futili motivi, aveva picchiato la moglie 45enne e poi minacciata di morte con un coltello. 

Alla vista dei carabineiri, ha tentato la fuga, ma è stato bloccato prima che potesse lasciasse l’abitazione. Durante la perquisizione domiciliare i militari hanno trovato un coltello con una lama di 6 cm nascosto tra le lenzuola del letto matrimoniale. I carabinieri hanno anche accertato che l’uomo, in passato, si era già reso protagonista di episodi simili, in particolare nel 2014 era stato arrestato per maltrattamenti in famiglia. 

Il coltello è stato sequestrato e la donna sottoposta a visita dal personale medico del 118, nel frattempo intervenuto, che le ha riscontrato un “forte stato di stress psicomotorio” e tranquillizzata con calmanti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Un Posto al Sole, anticipazioni: pesanti le accuse per Diego

  • La migliore pizza fritta del mondo è di Melito: per celebrare il titolo pizze gratis per tutti

  • Raffica di controlli al Rione Sanità: centinaia di persone identificate

  • Vaselina: un ottimo lubrificante ma non per tutto

Torna su
NapoliToday è in caricamento