Migrante ruba cellulare ad un connazionale: in manette

La vittima lo ha rincorso lungo corso Umberto I ed ha chiesto l'aiuto della polizia

Improvvisamente non si è ritrovato più il cellulare in tasca ed a rubarglielo era stato un suo connazionale. Così si è lanciato al suo inseguimento chiedendo l'aiuto della polizia. Arrestato un 23enne malese dagli agenti dell'Upg ieri pomeriggio con l'accusa di rapina impropria. Gli agenti hanno stretto le manette ai polsi al giovane ieri pomeriggio tra corso Umberto I e via del Lavinaio.

Hanno notato i due cittadini malesi rincorrersi ed avere una colluttazione e si sono subito mobilitati. Uno di loro ha chiesto aiuto agli agenti spiegando che gli era stato rubato il cellulare. I poliziotti hanno raggiunto il presunto ladro e l'hanno fermato. Dopo aver controllato il fermato hanno trovato il cellulare della vittima nella tasca posteriore dei jeans. Hanno stretto le manette ai polsi del 23enne e l'hanno portato in questura. Stamattina verrà giudicato con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento