A Scampia manifestazione in difesa dei diritti dei Rom: "Restiamo umani"

Centinaia di persone in strada per un corteo pacifico a sostegno delle popolazioni Rom, da anni presenti nel quartiere napoletano

La manifestazione a Scampia (foto Facebook Domenico Lopresto)

Alcune centinaia di persone sono scese in strada a Scampia nel pomeriggio di sabato per manifestare in difesa dei diritti del popolo Rom, da anni presente nel quartiere.

"Restiamo umani" recitava il testo di un grosso striscione in testa al corteo pacifico.

"I diritti dei popoli vengono prima di tutto. La comunità ROM qui a Scampia esiste da sempre, è parte di noi. Ricordo che nel mese di novembre del 1980, quando dopo il terremoto dell'Irpinia, gli sfollati napoletani decisero di occupare 15mila case. Faceva un freddo terribile e nelle case occupate mancava acqua e luce. Dove adesso c'è lo stazionamento della metropolitana, c'era un campo ROM enorme. Loro ci aiutarono ad allacciare acqua e luce, furono dalla nostra parte", scrive su Facebook Domenico Lopresto dell'Unione Inquilini, tra le associazioni che hanno partecipato alla manifestazione.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Abusi su una bimba di 3 anni, Calderoli: "Serve l'ergastolo"

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale, scontro tra auto e scooter: ferita una undicenne

  • Cronaca

    "Datemi quello che mi spetta o mi do fuoco": l'appello di Ciro, malato di tumore

  • Cronaca

    Pozzuoli, lungomare inquinato: scatta il divieto di balneazione

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2018-2019: trattative, acquisti e cessioni

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dall'18 al 22 giugno 2018

  • Gordon Ramsay in vespa rosa a Napoli

  • De Laurentiis: "Il mio unico rimpianto è non aver tenuto Quagliarella"

  • L'Oroscopo dell'astrologo napoletano Franko Angelone: settimana dal 18 al 24 giugno

  • Esplosione nei pressi di via Toledo: incendio e paura per gli abitanti

Torna su
NapoliToday è in caricamento