Poste, 5mila lavoratori in piazza: "No alla privatizzazione"

Partecipato corteo da corso Umberto a piazza Matteotti. Alessandra Tommasini, segretaria regionale Slc-Cgil: "Se la vertenza Poste non sarà risolta, in Campania esploderà una vera e propria bomba sociale"

Erano oltre cinquemila, oggi in piazza, contro la privatizzazione delle Poste. I lavoratori hanno sfilato in corteo lungo il corso Umberto fino a piazza Matteotti, sede della posta centrale.

Addetti allo sportello e ai recapiti dicono no alla privatizzazione della società attualmente a maggioranza statale, un'evoluzione che potrebbe – in Campania soprattutto – avere gravi ricadute sull'ocupazione.

La richiesta è di incontrare le istituzioni locali affinché queste possano intercedere presso il governo. "Se la vertenza Poste non sarà risolta, in Campania esploderà una vera e propria bomba sociale": così Alessandra Tommasini, segretaria regionale Slc-Cgil.

Potrebbe interessarti

  • Dieta: 7 alimenti che credi facciano dimagrire e invece fanno ingrassare

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Ancelotti furioso al Franchi, voci di esonero per Sarri: inizio col botto in Serie A

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento