Poste, 5mila lavoratori in piazza: "No alla privatizzazione"

Partecipato corteo da corso Umberto a piazza Matteotti. Alessandra Tommasini, segretaria regionale Slc-Cgil: "Se la vertenza Poste non sarà risolta, in Campania esploderà una vera e propria bomba sociale"

Erano oltre cinquemila, oggi in piazza, contro la privatizzazione delle Poste. I lavoratori hanno sfilato in corteo lungo il corso Umberto fino a piazza Matteotti, sede della posta centrale.

Addetti allo sportello e ai recapiti dicono no alla privatizzazione della società attualmente a maggioranza statale, un'evoluzione che potrebbe – in Campania soprattutto – avere gravi ricadute sull'ocupazione.

La richiesta è di incontrare le istituzioni locali affinché queste possano intercedere presso il governo. "Se la vertenza Poste non sarà risolta, in Campania esploderà una vera e propria bomba sociale": così Alessandra Tommasini, segretaria regionale Slc-Cgil.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel calcio a 5 napoletano, si è spento l'ex portiere della Nazionale Antonio Capuozzo

  • Madre e figlia dormono in auto, l'appello: "Non hanno più soldi. Sono da mesi in queste condizioni"

  • Scontro treni Metro Linea 1, feriti trasportati in ospedale

  • Lutto a Pianura: si è spento il poliziotto Gaetano Senarcia

  • Le imprese cercano 31mila dipendenti in provincia di Napoli, ma non riescono a trovarli

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

Torna su
NapoliToday è in caricamento