"Meglio morto che pentito". A Castellammare la t-shirt choc

Il fatto accaduto negli stessi giorni in cui il quotidiano Metropolis è stato minacciato per aver scritto delle nozze in carcere del boss Salvatore Belviso defininendolo "pentito"

La maglietta nella vetrina (Foto Metropolisweb.it)

Sabato scorso, le minacce subite dal quotidiano locale Metropolis da parte di esponenti del clan D'Alessandro dovute alla pubblicazione della notizia delle nozze in carcere del boss Salvatore Belviso definito "pentito" dal titolo di prima pagina. Oggi, nella vetrina di un negozio a Castellammare di Stambia, spunta la maglietta con la scritta "Meglio morto che pentito". Ed è subito polemica.

Il consigliere comunale di centrodestra Antonio Sicignano ha chiesto al sindaco Luigi Bobbio, ex pm, di emettere un'ordinanza per vietare "presunte pubblicità che violentano le menti dei nostri giovani».

Commenti sono giunti anche dal commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli " È un messaggio di forza alla città ma anche una sfida culturale di supremazia della camorra e delle sue regole nei confronti dello stato. Oggi sembra che sia la criminalità a governare in questa città più che le istituzioni, che invece appaiono deboli ed in ritirata. È ora di risvegliare l' orgoglio stabiese contro questo sconcio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento