Maestra picchiata dalla madre di un giovane alunno: ha riportato un trauma cranico

E' accaduto in una scuola di Fuorigrotta

Un'insegnante è stata aggredita e presa a schiaffi e pugni ieri dalla madre di un giovane alunno dell'istituto Leopardi di Fuorigrotta. A scatenare l'ira della donna i presunti toni bruschi utilizzati dalla maestra nei confronti del figlio della donna.

La 50enne è stata trasportata all'ospedale San Paolo per un trauma cranico, per poi essere dimessa quando le sue condizioni di salute non destavano più particolari preoccupazioni.

La 31enne è stata denunciata a piede libero per l'aggressione.

"Schiaffi e violenza contro le insegnanti, contro chi ha il compito di contribuire alla formazione personale oltre che professionale delle nuove generazioni. Oggi ho partecipato all’iniziativa “festa della scuola” a termine di un progetto durato un intero anno scolastico. Il tema di quest’anno è proprio la genitorialità. Perché ormai è chiaro a tutti che non si può prescindere dalle famiglie. Come deve essere chiaro che non si possono scaricare le responsabilità su scuole ed insegnanti. Costruire una comunità educante non è semplice. C’è bisogno di rompere i microrganismi rappresentati da chi si occupa di un pezzo della vita dei ragazzi (ad esempio associazioni sportive, parrocchie, scuole ed ovviamente famiglie) e creare cellule più grandi e forti in grado di contaminarsi e diffondersi velocemente. Tutto questo nella certezza che la risposta alla perdita della percezione di autorità nei confronti dei ragazzi non può essere rappresentata da comportamenti autoritari, ma dalla crescita di autorevolezza verso di loro. Non esistono bambini cattivi e prima ancora di puntare il dito sulla mia generazione, la generazione dei nuovi padri e delle nuove madri, bisognerebbe pensare a che modello hanno avuto a loro volta in casa questi adulti non adulti e che situazione vive oggi la generazione dei bambini adultizzati. Le politiche sociali, anche quelle del Comune, stanno mettendo sempre più al centro l’accompagnamento alla genitorialità. A breve anche in commissione scuola presenteremo alcune proposte su questo tema. In queste ore, invece, cercherò le insegnanti e le comunità scolastiche che hanno subito queste aggressioni. Perché il primo punto che deve esser chiaro è che queste comunità non possono essere lasciate sole a gestire compiti così gravosi e importanti per la nostra società". E' il commento di Luigi Felaco Presidente Commissione Scuola e diritto all’istruzione Comune di Napoli.

Potrebbe interessarti

  • Tartarughe d'acqua: fuorilegge dal 31 agosto

  • Filumena Marturano è veramente esistita e abitava in Vico San Liborio

  • Smettere di fumare: tutti possono farlo. Ecco come

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Mezze maniche cremose ai pistacchi: primo velocissimo e goloso

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • ANTEPRIMA - Don Balon: "Il Real offre al Napoli Nacho e James per Koulibaly"

Torna su
NapoliToday è in caricamento