Suonarono al matrimonio di Tony Colombo: la polizia penitenziaria licenzia 5 trombettisti

Agli ispettori già pochi giorni dopo le nozze vennero sequestrati gli strumenti e furono sospesi in via cautelativa

Cinque ispettori, trombettisti appartenenti alla banda musicale della polizia penitenziaria, sono stati licenziati dall'amministrazione penitenziaria. Lo scorso 27 marzo suonarono alle cosiddette "nozze trash" tra il neomelodico Tony Colombo e Tina Rispoli, vedova del boss della camorra Gaetano Marino. Avrebbero danneggiato l'immagine del corpo.

Residenti in Campania, erano componenti della banda musicale del corpo che ha sede a Portici. A testimoniare la loro presenza al matrimonio furono i numerosi video postati sui social dai fan di Colombo. Agli ispettori già pochi giorni dopo le nozze vennero sequestrati gli strumenti e furono sospesi in via cautelativa.

Non è l'Arena, la versione di Tony e Tina

Dopo le nozze, in particolare per il concerto che andò in scena in piazza del Plebiscito e per il corteo nuziale che bloccò il traffico su corso Secondigliano, è scattata un'indagine tuttora in corso dell'Antimafia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concerto non autorizzato, interrogato Tony Colombo

Il sindacato della polizia penitenziaria Uspp, attraverso Giuseppe Moretti e Ciro Auricchio (rispettivamente presidente e segretario regionale campano), si è detto "dispiaciuto" per i destinatari del provvedimento, ma c'è la certezza "quanto accaduto possa fare da monito per tutti gli appartenenti al Corpo di Polizia penitenziaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

Torna su
NapoliToday è in caricamento