Lavoravano 11 ore al giorno per 20 euro: la scoperta

Chiuso un opificio a Grumo Nevano dove venivano utilizzati anche stranieri senza permesso di soggiorno

Venivano fatti lavorare come animali per 11 ore al giorno. Il tutto per soli 20 euro, meno di due euro all'ora. Scoperto un opificio a Grumo Nevano dove venivano utilizzati cittadini stranieri senza permesso di soggiorno per confezionare giacche da uomo. La scoperta è stata realizzata dai carabinieri della stazione locale a via Quintavalle nella cittadina napoletana.

I militari hanno scoperto 12 persone intente a lavorare a ritmi serrati in un locale di 150 metri quadri in pessime condizioni igienico-sanitarie. Di queste, nove persone lavoravano a nero e tre di loro erano senza permesso di soggiorno. Denunciata la titolare, una cittadina del Bangladesh, sospesa l'attività e sequestrato il locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Nela e la battaglia contro il cancro: "Quando arriva non ti lascia più. Ho pensato al suicidio"

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento