“Terzo Sistema”, bocche cucite davanti ai giudici

Si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere i sette presunti membri del nuovo clan di Torre Annunziata

Tutti in silenzio dinanzi al giudice. L'atteggiamento è chiaramente quello che utilizza la camorra quando si trova davanti i magistrati. Ed è quello che hanno utilizzato i sette arrestati accusati di aver creato un nuovo clan a Torre Annunziata soprannominato il “Terzo Sistema”. Si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere nel corso dell'interrogatorio di garanzia dinanzi al Gip e adesso aspettano il tribunale del Riesame a cui hanno fatto ricorso nella speranza di veder annullata l'ordinanza di custodia cautelare. Fino ad allora resteranno tutti in carcere i nuovi ras della camorra oplontina accusati di aver fondato una cosca da una costola del clan Gionta. Un gruppo il cui presunto fondatore, Ciro Perna, ha subito l'onta di essere cacciato dal clan dei “valentini” ed ha voluto vendicarsi dando vita ad un gruppo di giovanissimi che, a leggere le parole del Gip, si ispirava alla mafia corleonese e voleva spazzar via i due clan da sempre egemoni su Torre Annunziata.

Prima il rapporto con l'allora reggente giovanissimo di palazza Fienga, Sasà Paduano, poi l'arresto di quest'ultimo ed il tentativo di scissione «perché sono sempre stato più intelligente di lui». Fino alle “stese” e i segnali sul territorio per innervosire i gruppi camorristici già presenti fino ad attirarsi l'odio non solo dei Gionta e dei Gallo, ma anche della famiglia Tamarisco, gruppo dedito principalmente al traffico di sostanze stupefacenti tra Torre e Boscoreale. Un odio che, secondo l'Antimafia, doveva tradursi nel tentativo di spazzar via il nuovo gruppo da parte delle tre famiglie coalizzate perché stavano ledendo all'equilibrio creatosi attualmente, dando vita ad una nuova guerra di camorra. Sono arrivati prima i carabinieri a porre fine alla loro attività e adesso spetta ai magistrati stabilire se si trattasse o meno di un nuovo clan all'ombra del Vesuvio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • Boato in un appartamento, esplode bombola: ferito 30enne

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

Torna su
NapoliToday è in caricamento