È la "guardiana" di Palazzo Penne: le arriva un'ingiunzione di pagamento di 83mila euro

A denunciare quanto accaduto alla signora Jolanda Somma è Pino De Stasio, attivista ed esercente del centro storico: "Una vergogna per l’intera comunità napoletana"

Un'ingiunzione di pagamento di 83mila e 300 euro. È quanto è stato recapitato alla signora Jolanda Somma, inquilina di un monolocale di Palazzo Penne, dalla Regione Campania.

A denunciare il fatto è Pino De Stasio, noto esercente e attivista del centro storico. In quel monolocale, spiega De Stasio, “ la signora Somma è residente dalla nascita e di fatto fa guardiania costante all’immobile degradato”.

“Da tempo – prosegue l'attivista – Jolanda attendeva che lo straordinario cespite venisse restaurato e lei finalmente sistemata in condizioni minime di abitalitá civile. Se non ci fosse stata Jolanda il Palazzo sarebbe sicuramente stato ancor più vandalizzato e preda della speculazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questa ingiunzione di pagamento è una vergogna per l’intera comunità napoletana – conclude – Oltre il danno la beffa! Ovviamente non ci fermeremo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento