Influenza A, dai pediatri i consigli alle mamme

In vista della riapertura delle scuole, arrivano per le mamme poche e semplici regole di comportamento da seguire. I consigli dei pediatri sono tre, come ha spiegato a Napoli il referente nazionale della Federazione italiana medici pediatri Fulvio Turrà

Dopo la prima vittima dell'influenza A e i recenti casi di ricovero al Cotugno, nonostante la situazione sia sotto controllo, in vista della riapertura delle scuole, arrivano per le mamme poche e semplici regole di comportamento da seguire.

I consigli dei pediatri sono tre, come ha spiegato a Napoli il referente nazionale della Federazione italiana medici pediatri Fulvio Turrà, dopo l'incontro di oggi in Comune su interventi e prevenzione relativamente all'influenza A.

Ha detto Turrà: "Evitare, quando è possibile, i luoghi affollati, evitare che i bambini entrino in contatto con altre persone che mostrano le manifestazioni tipiche dell'influenza, rivolgersi sempre a medici di base e pediatri di famiglia per qualsiasi dubbio ed evitare di andare in ambulatori e pronto soccorso quando non è strettamente necessario".

Il vaccino, ha aggiunto Turrà, dovrebbe essere pronto a breve ed è prevista una copertura quasi capillare. "Saranno vaccinati tutti i bambini dai 2 anni ai 14 anni. Nel caso i test di tollerabilità dovessero andare a buon fine, proporremo di estendere la vaccinazione anche ai bambini di un anno di età. Per evitare l'assalto ai pronto soccorso abbiamo anche proposto che gli ambulatori pediatrici restino aperti dalle 8 alle 20" ha concluso Turrà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Coronavirus, un malore dopo la maratona: test per due lombardi. Negativo uno stabiese

Torna su
NapoliToday è in caricamento