Manicure tra infermiere mentre un bambino piange, scatta l'inchiesta interna

Il video diffusosi online a macchia d'olio ha portato l'Asl Napoli 3 e l'ospedale di Nola a mettere la vicenda sotto la propria lente d'ingrandimento. Le parole del presidente dell'ordine degli infermieri

Un frame del video

Sta facendo discutere il video, diventato rapidamente virale, di due infermiere dell'ospedale di Nola apparentemente impegnate in una manicure mentre un bambino da loro in cura piange.

La vicenda, dai connotati non troppo chiariti dalle immagini, ha suscitato numerose attenzioni al punto da far avviare da parte dell'Asl Napoli 3 un'indagine interna.

Ciro Carbone, presidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche di Napoli, ha chiesto chiarezza. L'ordine attenderà le risultanze dell'indagine. “Dopodiché, se fosse confermato che iscritti all'Ordine degli infermieri di Napoli si siano resi protagonisti di comportamenti tanto gravi e lesivi del buon nome della professione e dei suoi principi deontologici – spiega – prenderemo tutti i provvedimenti disciplinari previsti".

"Comportamenti come quelli che il video mostra, qualora fossero confermati come veritieri, non sono in linea con i principi deontologici, professionali e etici della nostra professione. Essi – aggiunge Carbone – gettano discredito e offendono colleghi impegnati ogni giorno in un duro, delicato e apprezzato lavoro di assistenza nei nostri ospedali e sul territorio. Giudichiamo quindi ingiuste, immeritate e offensive le ingiurie e le offese alla professione che accompagnano il video sui social. Improperi che rispediamo al mittente perché, generalizzando, ledono ingiustamente la dignità, la professionalità e i meriti sociali e professionali di tanti infermieri che operano con elevata sapienza e competenza e con specchiato e riconosciuto slancio umanitario".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento