Tragedia sulla Statale Sorrentina, la vittima si chiamava Patrizia Oliva

Aveva 60 anni ed era alla guida di uno dei tre mezzi coinvolti nello schianto. Grave un altro ferito, al momento ricoverato al San Leonardo

Immagine d'archivio

Si chiamava Patrizia Oliva la donna, di 60 anni, che stamane è rimasta vittima del tragico incidente verificatosi a Castellammare di Stabia nei pressi del viadotto San Marco sulla Statale Sorrentina.

L'impatto ha avuto luogo intorno alle 12 in direzione Sorrento. Coinvolta la vettura della vittima – che era al volante – un furgone ed una terza automobile. La 60enne avrebbe perso la vita sul colpo.

Le prime notizie: schianto sulla Sorrentina, c'è una vittima

Nell'incidente ci sono altri due feriti, uno ricoverato in gravi condizioni al San Leonardo e un terzo in condizioni che non preoccupano i sanitari.

I rilievi del caso sono stati effettuati dalla polizia municipale, mentre sono stati i vigili del fuoco ad estrarre i feriti ed il corpo della vittima dalle lamiere. La zona è rimasta a lungo a senso unico alternato, per la necessità di ripristinare le condizioni di sicurezza e rimuovere i veicoli coinvolti nell'incidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Spari al mercato ittico di Mugnano: c'è una vittima

  • Cronaca

    Finita la latitanza di Ciro Rinaldi: il boss si nascondeva da familiari

  • Cronaca

    Settantaduenne morto al San Paolo, l'autopsia: "Ernia non diagnosticata"

  • Cronaca

    Folla ai funerali di Claudio Volpe, il parroco: "Carceri devono rieducare, non essere luoghi di morte"

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria su Napoli: ingenti danni in città e in provincia

  • Bufera di vento a Napoli: crolla una tettoia al Vomero

  • Claudio Volpe morto a Poggioreale, il sit-in all'esterno del carcere

  • Tatangelo scatenata post-Sanremo: "Non mi interessa delle vostre pagelline"

  • La camorra a Napoli e provincia: tutti i clan. “Comandano i giovani”

  • Maxi incendio a Casoria, colonna di fumo visibile anche a Napoli

Torna su
NapoliToday è in caricamento