Tragico incidente stradale sulla SS268: muoiono quattro persone

Si tratta di due giovani di 21 e 23 anni, e di una madre con il figlio. La dinamica

Ambulanza

Quattro persone sono morte la notte scorsa in un incidente stradale avvenuto sulla strada statale 268 a Boscoreale. Una ragazza è rimasta gravemente ferita. Si tratta di due giovani di 21 e 23 anni, e di due polacchi, madre e figlio. Lo rendono noto i carabinieri del Comando provinciale di Napoli.

LE VITTIME - I morti sono Giovanni Tortora, di 21 anni, e Mario Boccia, di 23, entrambi di San Giuseppe Vesuviano, e i polacchi Jan Kowalski Krzysztof, di 25 anni, e la madre Dorate Kowalska, di 45 anni, residenti a Boscoreale. La ragazza gravemente ferita è Maria Rosaria Nachiero, di 23 anni, di Terzigno. L'incidente è avvenuto all'altezza del chilometro 23; l'autovettura Ford Fiesta guidata da Giovanni Tortora con a bordo Mario Boccia e Maria Rosaria Nachiero, per cause in corso di accertamento, si è scontrata frontalmente con l'autovettura Hyundai I10 guidata da Jan Kowalski Krzysztof, con a bordo la madre Dorate Kowalska. In seguito all'impatto sono deceduti i due giovani e i due polacchi mentre la ragazza è stata soccorsa e portata dal personale del '118' nell'ospedale di Nocera Inferiore (Salerno). É ricoverata nel reparto di Rianimazione in prognosi riservata. Sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Radiomobile e del Nucleo investigativo di Torre Annunziata che hanno effettuato i rilievi planimetrici e fotografici. I veicoli sono stati sequestrati. I corpi, estratti dai Vigili del Fuoco, sono stati portati nell'ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia in attesa dell' autopsia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I PRECEDENTI - La strada statale 268 è nota per gli incidenti avvenuti in passato; anche per questo in molti la chiamano la 'statale della morte'. Sono state ripetute le proteste degli abitanti e degli amministratori dei comuni interessati che hanno sollecitato più volte interventi di messa in sicurezza della strada. Alcuni sono poi stati effettuati (cosa che ha portato alla temporanea parziale chiusura dell'arteria). Nell'agosto scorso la Provincia di Napoli votò un ordine del giorno all'unanimità con il quale si chiedeva l'immediata chiusura della 268 fino alla sua completa messa in sicurezza. Un'ipotesi, tuttavia, non realizzabile secondo il governo - che rispose nei mesi scorsi ad un'interrogazione - in quanto ritenuta via di fuga in caso di esodo dei comuni vesuviani dell'hinterland napoletano. La strada viene utilizzata ogni giorno da migliaia di automobilisti in quanto serve tutta la cintura esterna dei Comuni vesuviani e li mette in collegamento con l'area metropolitana di Napoli ma anche con le zone dell'entroterra campano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento