Due brutti incidenti: medico eroe salva la vita a due pazienti

Uno scontro sull'Asse Mediano e un altro a Palma Campania hanno messo in serio rischio la vita di due persone

Due terribili incidenti, due vite in pericolo, due miracoli di Natale all'ospedale di Nola. Un 30enne di Avellino, e un 53enne di Angri, sono rimasti coinvolti in due distinti sinistri stradali. Ad arrivare in ospedale per primo, intorno alle 21, è stato il 30enne. Aveva un trauma addominale, la frattura della milza e una lussazione all’anca destra dovuta ad un terribile incidente stradale sull’asse mediano. Viene subito operato dai tre medici in servizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo al pronto soccorso arriva il 53enne: anche vittima di un incidente stradale, questa volta a Palma Campania, e in pericolo di vita. C'è un problema però: la sala operatoria è già occupata e non ci sono più chirurghi in servizio. La soluzione c'è: vengono richiamati i medici a riposo che iniziano ad operare d’urgenza l’altro ferito. L'equipe chirurgica ha così affrontato in contemporanea due interventi delicati. Una storia di buona sanità che merita di essere raccontata. A farlo per primo è stato Metropolis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Magistris: "Se i contagi fossero stati concentrati al Sud ci avrebbero murati vivi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Forti temporali in arrivo, la Protezione Civile dirama l'allerta meteo

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento