Bus in scarpata: arrestati il titolare della ditta e due funzionari della Motorizzazione

Svolta nelle indagini sulla strage dell'autobus che precipitò dal viadotto Acqualonga. Le accuse riguardano la falsificazione dei documenti relativi alla revisione del pullman di proprietà della Mondo Travel

In manette il titolare della ditta Mondo Travel, Gennaro Lametta, e due funzionari della motorizzazione civile di Napoli: è la svolta nelle indagini sulla strage del bus che precipitò dal viadotto Acqualonga in un tratto di A16 a Monteforte Irpino, in provincia di Avellino.

Quaranta persone persero la vita in seguito a quel terribile incidente, verificatosi poco meno di un anno fa.

Gli agenti della Polstrada di Avellino hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Avellino su richiesta della Procura. Le accuse riguardano la falsificazione dei documenti relativi alla revisione del pullman di proprietà della Mondo Travel,

Le indagini, intanto, avevano già completamente scagionato la condotta dell'autista morto a seguito dell'incidente. Secondo quanto ricostruito, infatti, Ciro Lametta (fratello di Gennaro, titolare della ditta), fece tutto quanto nelle sue possibile per scongiurare quel terribile epilogo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • Eruzione Campi Flegrei, simulata l'evacuazione anche a Napoli

  • Folle fuga in tangenziale dopo aver rubato un'auto: travolgono le auto incolonnate nel traffico

Torna su
NapoliToday è in caricamento