Inchiesta Ischia, concessi i domiciliari a Massimo Ferrandino

Il fratello dell'ex sindaco di Ischia Giosi ha visto accolta dl gip Amalia Primavera l'istanza presentata dai suoi avvocati. Rigettate invece quelle dei membri della Cpl Concordia

Carabinieri

Agli arresti domiciliari Massimo Ferrandino, il fratello dell'ex sindaco di Ischia Giosi in carcere in seguito all'inchiesta su presunte tangenti per la metanizzazione di alcuni comuni dell'isola.

La decisione è del gip Amalia Primavera, che ha quindi accolto l'istanza dei suoi difensori – gli avvocati Giovanbattista e Angelo Vignola, e Franco Coppi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rigettate dal gip, invece, tutte le istanze di scarcerazione avanzate dai legali degli altri indagati sottoposti a misure cautelari, ovvero i vertici della cooperativa Cpl Concordia. Giosi Ferrandino resta in carcere: per lui i difensori non hanno fin qui presentato istanza di revoca del provvedimento cautelare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

  • Pepe Reina: "Ho avuto il Coronavirus. E' come essere travolti da un camion"

Torna su
NapoliToday è in caricamento