Inchiesta Coppa America, archiviate le posizioni di de Magistris e Caldoro

I due amministratori, insieme a Cesaro e Graziano, erano indagati per abuso d'ufficio. Le posizioni dai quattro stralciate rispetto a quelle di altri 14: per questi chiesto il rinvio a giudizio

Caldoro e de Magistris

Novità sull'inchiesta riguardante la Coppa America di vela a Napoli: si va con ogni probabilità verso l'archiviazione per il sindaco Luigi de Magistris, il presidente della Regione Stefano Caldoro, e l'ex presidente della Provincia Luigi Cesaro,

Le loro posizioni – da parte dei pm – sono infatti state stralciate rispetto a quelle di una serie di imputati per i quali si è invece chiesto il rinvio a giudizio.

Con quella dei tre amministratori stralciata anche la posizione di Paolo Graziano, ex presidente dell'Unione degli Industriali di Napoli, anch'egli indagato per abuso d'ufficio in relazione alla scelta dell'associazione di categoria da lui al tempo presieduta di essere socio privato dell'Acn, società di scopo che gestì l'evento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono 14 gli indagati, imprenditori e funzionari pubblici, per i quali dalla procura è stato invece chiesto il rinvio a giudizio. A loro contestati, a vario titolo, reati che vanno dall'associazione per delinquere alla turbativa d'asta, falso e abusivo di ufficio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento