homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Inceneritore Giugliano: la Regione vota per chiedere lo stop del bando

Primo destinatario della richiesta è il Governo: è nazionale, infatti, la legge che prevede l'impianto per smaltire le ecoballe. La cittadinanza a nord di Napoli incassa la prima vittoria ma la mobilitazione non si ferma

Corteo contro inceneritore Giugliano
Si dichiara soddisfatto il presidente della Commissione regionale Sanità e sicurezza sociale, Michele Schiano di Visconti (Pdl-Fi) per l'approvazione in Consiglio della risoluzione, di cui lui stesso è stato il primo firmatario, per chiedere a una serie di soggetti istituzionali lo stop del bando per l'inceneritore di Giugliano.
Primo destinatario della richiesta - si legge in una nota dell'Ansa - è il Governo nazionale, visto che è nazionale la legge che prevede l'impianto per lo smaltimento delle ecoballe. Schiano di Visconti ha evidenziato "l'importanza di dare un segnale chiaro e netto di vicinanza ai territori colpiti dall'emergenza ambientale che soprattutto a Giugliano in Campania e nell'area a nord di Napoli richiede il sostegno compatto di tutta la politica e delle istituzione a tutela dell'ambiente e della salute".
Incassano la prima importante vittoria i cittadini dell'area nord di Napoli, che da mesi si sono  fortemente mobilitati contro la costruzione dell'impianto chiedendo bonifiche per un territorio martoriato e non ulteriori cause di danni all'ambiente. Una vittoria che però non ferma la mobilitazione, come spiegano gli esponenti di vari comitati in lotta per la tutela di ambiente e salute: "Si continuerà a manifestare e a scendere in strada finché il bando non sarà definitivamente ritirato e il 'pericolo inceneritore' sarà definitivamente scongiurato, inoltre si continuerà finché per questo territorio non sarà iniziato il vero riscatto con azioni concrete contro gli sversamenti illeciti di rifiuti pericolosi, i roghi tossici ancora fortemente presenti e con le bonifiche sotto il controllo popolare dei terreni contaminati dall'interramento di rifiuti tossici".
La marcia da Aversa a Giugliano in programma per oggi alle 15.30, quindi, resta confermata.
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Allora se non volete l'inceneritore la spazzatura tenetevela in casa vostra dato che I vostri amministratori, che voi avete votato, non sono in grado di organizzare una raccolta differenziata decente.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tragico incidente stradale in Costiera: muore 54enne

  • Cronaca

    Si torna a sparare a Soccavo: stesa per intimidire un pregiudicato

  • Cronaca

    Camorra, si pente Giuseppe Misso: tremano i Casalesi

  • Cronaca

    Se ne è andato un gigante: addio al pittore e scultore Giuseppe Antonello Leone

I più letti della settimana

  • Corso Malta, inseguimento con sparatoria in Tangenziale

  • Tragico incidente stradale in Germania, muore una napoletana di 26 anni

  • Poggioreale, tenta di impiccarsi in carcere: è grave

  • Paura per un 16enne, picchiato e rapinato del suo scooter: "Lo hanno massacrato"

  • Rapina con sparatoria al Centro Direzionale: ferito un uomo

  • Camorra, si pente Giuseppe Misso: tremano i Casalesi

Torna su
NapoliToday è in caricamento