Incendia un cumulo di rifiuti, arrestato

In manette un 31enne a San Giuseppe Vesuviano

Carabinieri

Sorpreso dai carabinieri mentre appiccava il fuoco ad un cumulo di rifiuti. Così per un cittadino ucraino di 31 anni è scattato l'arresto a San Giuseppe Vesuviano.

L'immigrato, ora agli arresti dimiciliari, dovrà rispondere di combustione illecita di rifiuti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Offerta di prestito tra particolare grave (24H) Ciao, hai bisogno di un prestito di denaro, soprattutto nel mondo vi offriamo un prestito di 5.000 € 10 € 000 .000 in termini semplici, offriamo questo prestito a chiunque in grado di pagare con gli interessi 3%. Si prega di controllare le aree in cui puoi aiutare: mutui casa, prestiti di investimento, prestiti auto, consolidamento del debito, prestiti, mutui, prestiti personali. Offriamo prestiti a breve, medio e lungo termine ed i nostri trasferimenti vengono forniti da una banca per la sicurezza delle transazioni. Contattaci, e se avete bisogno di un prestito per avere maggiori informazioni sulla nostra offerta di prestito ed i nostri termini e condizioni del prestito. .Contactez Noi se avete bisogno di un email soldi del prestito :: macarolle40@gmail.com

Notizie di oggi

  • Notizie SSC Napoli

    Sassuolo-Napoli 2-2: gli azzurri sciupano una grande occasione

  • Cronaca

    Lite tra giovanissimi nella zona dei Baretti: un ferito ed un arresto

  • Cronaca

    Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

  • Incidenti stradali

    Portici, ragazzina investita da un'auto pirata

I più letti della settimana

  • Tangenziale di Napoli, appalti truccati: 5 misure cautelari

  • Rubavano le auto parcheggiate nel centro commerciale: arrestati

  • Il dramma di Rosa: muore improvvisamente a 15 anni

  • Smantellato il clan Orlando: erano gli eredi di Polverino e Nuvoletta

  • "Ci sono tanti problemi, iniziamo a coprire le buche a Napoli"

  • Strage familiare in Svizzera: morti tre napoletani

Torna su
NapoliToday è in caricamento