Imparare il napoletano con "Napulitanamente"

Dopo il progetto 'NAPULITANAMENTE' per alunni in una scuola media statale, il prof. Ferraro inizia anche un corso di 'lingua e cultura napolitana' per adulti all'UNITRE Napoli-Vomero.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

 IMPARARE IL NAPOLITANO: un corso per adulti Dopo il successo delle prime due edizioni del corso di lingua e cultura napolitana svolte presso la S.M.S. 'Viale delle Acacie' di via Puccini - l'unica iniziativa didattica del genere organizzata in una scuola pubblica - il prof. Ermete Ferraro dà ora una risposta anche agli adulti che sono interessati a migliorare la loro conoscenza del Napolitano. Ferraro - docente di lettere, attivista ecopacifista e cultore di questa lingua - il 31 gennaio ha infatti iniziato un nuovo corso presso l'UNITRE (Università delle Tre Età) di Napoli-Vomero, la cui sede si trova in via Belvedere 113. Alle lezioni - che si tengono tutti i Martedì dalle ore 11,00 alle 12,00 - possono partecipare gli iscritti a questa università popolare. "Recuperare, valorizzare ed attualizzare il grandissimo patrimonio culturale veicolato dalla lingua napolitana - spiega Ferraro - è il primo passo per fare riacquistare dignità ad un idioma che va salvaguardato e rivitalizzato. Il Napolitano resta profondamente radicato ed è ancora largamente praticato, trasversalmente ad età anagrafiche ed estrazioni socio-culturali. Ciò che manca, invece, è un'adeguata formazione, che consenta di evitare la perdita del suo patrimonio lessicale 'verace' e, soprattutto, rimedi alla diffusa tendenza a scriverlo in modo scorretto o comunque assai approssimativo." Ferraro - che riprenderà anche in questo anno scolastico il progetto didattico 'Napulitanamente' presso la scuola media vomerese dove insegna - collabora con l'Ass.ne 'Giambattista Basile' (diretta da Pasquale Farro), l'Accademia Napoletana (presieduta da Massimiliano Verde) e con altre iniziative formative affini (come il Laboratorio Ortografico Napoletano 'Carlo Iandolo' , guidato da Nazario Bruno, ed il Corso di lingua napulitana, tenuto a Palazzo Venezia da Davide Brandi). "Sarà discussa a breve dal Consiglio Regionale della Campania una proposta di legge relativa alla tutela e valorizzazione della lingua napolitana - informa Ferraro -alla cui redazione ho partecipato e che è stato presentato a firma del consigliere dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. Il fine è quello di unire finalmente tutti gli studiosi del Napolitano - accademici , cultori e scrittori - per dar vita ad un centro studi documentato ed autorevole, cui sia affidato anche il compito di normare la nostra lingua e di sviluppare progetti di formazione."

Torna su
NapoliToday è in caricamento