Incubo per una turista a piazza Garibaldi: due migranti provano a rapinarla

Una giovane di Treviso stava per essere rapinata del cellulare. Le urla dell'amica l'hanno salvata

Gli agenti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico hanno arrestato per i reati di tentata rapina e lesioni personali in concorso tra loro, due cittadini del Gambia di 21 e 26 anni. I poliziotti, impegnati nel controllo del territorio, poco dopo la mezzanotte, passando per piazza Garibaldi hanno sentito le grida di due ragazze e notato due giovani extracomunitari mentre aggredivano una loro amica. Prontamente gli agenti sono intervenuti inseguendo e arrestando i due giovani che alla vista della “pantera” avevano desistito dalla rapina ed erano scappati verso corso Umberto I.

Il tentativo di rapina 

I poliziotti hanno accertato che la vittima, una giovane 26enne di Treviso, mentre era intenta a parlare al cellulare, era stata aggredita da uno dei due giovani che aveva provato a strapparle il telefono dalle mani. Non riuscendoci, era subentrato il complice che aveva trattenuto la ragazza per le spalle per poi spingerla a terra. La 26enne è stata medicata per delle escoriazioni e contusioni in seguito alla caduta provocatagli dai due rapinatori. I due extracomunitari sono stati condotti nel carcere di Poggioreale.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Fuorigrotta, tragico incidente stradale: muore una 15enne

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Dramma in via Marina, scooter contro auto: muore 26enne

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 luglio 2019

  • Orrore San Gennaro Vesuviano, la ricostruzione dalla tragedia

Torna su
NapoliToday è in caricamento