Tredicenne pestato, identificati i 5 aggressori: hanno tutti meno di 14 anni

Non sono imputabili di reato. Saranno ascoltati dagli investigatori in presenza dei loro genitori. La vittima intanto sta meglio: partirà per una gita scolastica con i compagni di classe

Sono stati identificati dai carabinieri: si tratta dei cinque componenti del branco che venerdì pomeriggio hanno circondato e aggredito un 13enne di Mugnano.

Svolta nella vicenda del ragazzino del napoletano, vittima di bullismo, i cui genitori hanno denunciato il pestaggio su Facebook postando una sua foto choc dopo la violenza.

La baby gang era composta da ragazzini tutti con meno di 14 anni, quindi non imputabili di alcun reato. Saranno ascoltati dagli investigatori in presenza dei loro genitori.

Mentre la foto della vittima è arrivata a 200mila condivisioni sul social network, e continua a suscitare affetto e solidarietà, il ragazzino sta meglio e si prepara a partire con i suoi compagni di classe per una gita scolastica.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Bombe molotov contro la sede della Municipalità di Piscinola, il Presidente Paipais: "Non ci fermeremo"

    • Cronaca

      Vaccini obbligatori, l'allarme delle Asl: “Non potremo soddisfare tutte le richieste”

    • Cronaca

      Cimitero di Poggioreale, ossa ammassate in un loculo lasciato aperto

    • Cronaca

      Alfano a Napoli: "In bocca al lupo a de Magistris. Noi vera alternativa a sinistra ed estremisti"

    I più letti della settimana

    • Suicida la cantante neomelodica Lucia Caruso: aveva 35 anni

    • Addio "all'innovatore" della Regione Campania: Pierino Russo non c'è più

    • Partorisce un bimbo, in ospedale arrivano due papà: è corsa al Lotto

    • Professionista pestato da tre rapinatori: sui social la foto dopo le violenze

    • Ristorante degli orrori a Ischia, sequestrati 130 kg di cibo avariato

    • Il suicidio della cantante neomelodica: "Addio amica mia"

    Torna su
    NapoliToday è in caricamento