Un rarissimo Gufo Reale Indiano a Ercolano: era costretto a soffrire

I carabinieri del nucleo CITES lo hanno trovato in un negozio di animali: viveva in gabbia sotto la luce del neon, senza appoggi e costretto a piegare costantemente le zampe. Il titolare è stato denunciato

I Carabinieri Forestali del nucleo CITES di Napoli hanno effettuato controlli in un esercizio commerciale di vendita animali nell’agro di Ercolano per verificare la tracciabilità e la corretta detenzione di un rapace notturno della specie Bubo Bengalensis (Gufo Reale Indiano), una specie vulnerabile tutelata dalla convenzione di Washington. Il controllo, eseguito insieme a personale medico veterinario del Centro Recupero Animali Selvatici della ASL NA1, è stato effettuato a seguito di segnalazione circa i modi di detenzione incompatibili con la  natura del rapace. Sul posto i militari hanno riscontrato che effettivamente l’animale era in una struttura di vetro e alluminio ed esposto alla costante luminosità dei neon del negozio, senza un appoggio che gli consentisse di aggrapparsi, privo di una zona di riparo (indoor) e di arricchimento ambientale. Di conseguenza viveva costretto a un atteggiamento innaturale, obbligato a mantenersi in posizione eretta sul fondo della teca in condizione di costante flessione delle zampe.

 
I militari hanno  proceduto al sequestro dell’esemplare e al suo affidamento al centro recupero animali selvatici (CRAS) della ASL NA1- Frullone di Napoli. Il titolare del punto vendita è stato denunciato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Tweet su Coronavirus e colera, Borrelli e Simioli: "Abbiamo deciso di denunciare Feltri"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

Torna su
NapoliToday è in caricamento