Turista parcheggia l'auto dove il bar espone i tavolini: gomme bucate

L'episodio, avvenuto ai Quartieri Spagnoli, è stato denunciato dal consigliere regionale dei Verdi Borrelli e da quello della Municipalità Salvatore Iodice

"Una famiglia di turisti di Isernia lascia la propria auto parcheggiata in via Speranzella, ai Quartieri Spagnoli, e la ritrova con le gomme tagliate. La colpa sarebbe quella di aver parcheggiato in un'area dove un bar occupa il suolo pubblico con tavoli e sedie. Hanno preferito fare i teppisti invece di chiamare i Vigili": così il consigliere dei Verdi in Regione Campania, Francesco Emilio Borrelli, e quello della Municipalità Salvatore Iodice, hanno denunciato la vicenda avvenuta ieri.

"Ero in visita a casa di amici insieme alla mia famiglia - racconta il turista - volevamo passare un paio di giorni a Napoli. Siamo arrivati la sera di venerdì ai Quartieri Spagnoli e ho trovato questo posticino in via Speranzella. Non c'era divieto di sosta e altre auto erano posteggiate dopo la mia. Abbiamo cenato e ci siamo trattenuti l'intera giornata di sabato in giro per la città. Sabato sera siamo tornati alla macchina per ripartire e abbiamo trovato tre ruote a terra, tagliate. Solo in quel momento ho notato che sopra l'auto c'era la tendina richiusa di un bar il cui ingresso si trova pochi metri dopo la mia auto. Ho occupato il posto in cui il bar è solito mettere tavolini. La conferma l'ho avuta quando una signora, che si è qualificata come cugina del gestore, ci ha aggredito verbalmente insultandoci".

"Ho chiesto scusa - ha aggiunto l'uomo - e ho fatto presente che avrebbero potuto chiamare i vigili invece di tagliarmi le gomme. La risposta è stata: "qui la legge non serve". E se ne è andata a bordo di uno scooter guidato da un giovane. Entrambi senza casco. Abbiamo dovuto passare un'altra notte a Napoli. Domenica mattina siamo riusciti a trovare Gennaro, un gommista dei Quartieri, che ci ha aiutato nonostante fosse domenica. Ha rinunciato a una giornata di mare con la famiglia per darci una mano a sostituire le gomme. Un bel gesto davvero di cuore. Ora torniamo in Molise davvero rammaricati per aver visto una città splendida dove però vige la legge della strada".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo il commento di Borrelli e Iodice: "La storia di Riccardo dimostra come in alcune zone della città la legge e le regole siano completamente superate dalla violenza e dall'arroganza. Un far west inaccettabile perchè causa danni seri all'immagine della città inquietante che non abbiano chiamato i vigili per una palese infrazione che andava risolta con una multa e la rimozione dell'auto non con un'azione di teppismo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nome della presunta amante di Stefano De Martino dato in pasto ai media: "Questa ragazza è disperata"

  • Il Cristo Velato, il capolavoro del Principe di Sansevero famoso in tutto il mondo

  • Addio a Mario Savino: era stato l'impresario anche di Gigi D'Alessio e Gigi Finizio

  • Il virologo su RaiTre: "Vi spiego perché il Covid ha 'perdonato' i festeggiamenti per la Coppa Italia a Napoli"

  • Tarro: "Ci sarà ancora qualche caso di Covid, ma non tornerà nessuna epidemia in autunno"

  • Musica napoletana in lutto, si è spento Luciano Rondinella

Torna su
NapoliToday è in caricamento